Premio Franco Aulisio: perché è giusto ricordare

Sono stati consegnati ieri presso la sala degli Angeli dell’ Università Suor Orsola Benincasa di Napoli i riconoscimenti nell’ambito del “Premio Franco Aulisio”.
Un premio istituito quest’anno per ricordare il giornalista precursore delle agenzie televisive con la fondazione di “Videocomunicazioni”, punto di riferimento per le tv campane e le reti nazionali.
Alla cerimonia, coordinata da Maria Chiara Aulisio, hanno preso parte anche il presidente dell’Ordine dei Giornalisti della Campania Ottavio Lucarelli e il preside della Facoltà di Scienze della Formazione del Suor Orsola, Lucio D’Alessandro.
I primi premi ex equo – consegnati dal vicepresidente del Consiglio Regionale della Campania, Salvatore Ronghi; dall’assessore regionale all’Istruzione, Corrado Gabriele e dall’assessore al Turismo della Provincia di Napoli, Valeria Casizzone – sono andati a Beniamino Daniele, autore del reportage giornalistico “Superabili” e Walter Medolla autore del reportage giornalistico “Io non sono niente”. Menzione speciale per Antonio Crispino autore dell’audiovisivo sul tema dell’Ambiente “Il fiume che non c’é” .

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Unipa, arriva l'Onda Anomala anti Gelmini

Next Article

Atenei pubblici, l'appello del rettore Recca

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.