Premio di laurea con tesi sull'energia come sviluppo e cooperazione

Nell’ambito del partenariato strategico tra IAI ed Eni, l’Istituto Affari Internazionali selezionerà un laureando presso università pubbliche o private italiane (iscritto al secondo anno di laurea magistrale o di 2° livello) per una borsa di studio di sei mesi rivolta a chi intenda svolgere, nel periodo 1 dicembre 2018 – 1 giugno 2019, una tesi sulle tematiche dell’ energia come motore di sviluppo e cooperazione internazionale, della sostenibilità e della transizione energetica.
I candidati dovranno provenire da una delle seguenti facoltà: Scienze politiche, Relazioni internazionali o Economia internazionale.
Il candidato prescelto dovrà svolgere la sua ricerca presso l’Istituto, avvalendosi delle strutture e del supporto dello IAI. Potrà, inoltre, partecipare alle attività IAI e in particolare a quelle legate al programma “Energia, clima e risorse”.
Il candidato dovrà fornire, nella fase conclusiva del periodo in istituto ed entro il termine del 30/04/2019, un elaborato di sintesi della sua tesi. L’Istituto, valutato ed approvato detto elaborato, riconoscerà al laureando a titolo di diritto d’autore l’importo di € 4.000 al lordo delle ritenute previste dalle vigenti normative in materia tributaria. Lo IAI si riserva, in caso di elaborato particolarmente meritevole, il diritto di procedere alla sua pubblicazione in un Quaderno IAI.
Le proposte di candidatura dovranno pervenire all’indirizzo study(at)iai.it [Rif.: Bando-laureandi-2018] in forma elettronica entro il 25 ottobre 2018, corredate di schema della tesi proposta proposta da concordare con un docente della Facoltà, curriculum vitae e elenco degli esami sostenuti con indicazione dei voti conseguiti.
I candidati selezionati verranno invitati ad un colloquio che si svolgerà a Roma nella settimana 5-9 novembre 2018.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Borsa di studio di 3000 euro per chi frequenta un corso magistrale in economia

Next Article

Borsa di studio per diventare fumettista dedicata a Paolo Morales

Related Posts
Leggi di più

Il mondo della comunicazione è sempre più giovane: il 53% degli occupati è under 35

Un dipendente su due che lavora nel mondo della comunicazione ha meno di 35 anni. E' quanto emerge da un'indagine condotta su un campione di 172 aziende e condotta da Una, Aziende della comunicazione unite, e Almed, Alta Scuola in Comunicazione, Media e Spettacolo, dell'Università Cattolica del Sacro Cuore. Negli ultimi anni c'è stato un calo dell'occupazione femminile.