Premio ASFOR a Don Luigi Ciotti e Diana Bracco

Un premio sociale e culturale, quello che l’associazione ASFOR ha conferito all’operato di Don Luigi Ciotti e a Diana BraccoLa motivazione che ha indotto il Consiglio Direttivo ASFOR a conferire a Don Luigi Ciotti il Premio ASFOR alla Carriera 2010 è riconducibile al suo impegno attivo in molteplici ambiti della solidarietà.Le attività di Don Ciotti si sono sviluppate, attraverso una efficace strategia di valorizzazione del capitale umano, posto al centro di diversi progetti, con una chiara visione intesa come dimensione culturale e sociale.

In occasione della VIII Giornata della Formazione Manageriale ASFOR sono stati consegnati i premi ASFOR ALLA CARRIERA 2010.
Un premio sociale e culturale, quello che l’associazione ASFOR ha conferito all’operato di Don Luigi Ciotti e a Diana Bracco.
La motivazione che ha indotto il Consiglio Direttivo ASFOR a conferire a Don Luigi Ciotti il Premio ASFOR alla Carriera 2010 è riconducibile al suo impegno attivo in molteplici ambiti della solidarietà.
Le attività di Don Ciotti  si sono sviluppate, attraverso una efficace strategia di valorizzazione del capitale umano, posto al centro di diversi progetti, con una chiara visione intesa come dimensione culturale e sociale ma anche con una capacità di generare valore economico per la società e per i singoli; in primis attraverso la costituzione del Gruppo Abele e successivamente di Libera, Associazione che combatte le mafie attraverso progetti di sviluppo anche economico dei territori maggiormente colpiti.
L’azione di Don Luigi Ciotti evidenzia una grande capacità manageriale, una forte e positiva leadership con una focalizzazione sulla formazione come strumento di crescita per le persone, volta a rafforzare competenze e capacità professionali e a dare strumenti improntati all’eticità messa in pratica. Un impegno che si può così sintetizzare: educare alla responsabilità.
Premio ASFOR alla Carriera 2010 conferito a Diana Bracco
La motivazione che ha indotto il Consiglio Direttivo ASFOR – per valorizzare la centralità dell’investimento sul Capitale Umano e la creazione di “Reti” di conoscenza, competenza e solidarietà – a conferire alla dottoressa Diana Bracco il Premio ASFOR alla Carriera si riconduce sia all’impegno di imprenditrice per lo sviluppo e la globalizzazione del Gruppo Bracco e della omonima Fondazione, sia al significativo contributo sviluppato in ambito Associativo (in primis Confindustria, Assolombarda, e Federchimica) e nella Fondazione Sodalitas. E’ stato anche sottolineato nella motivazione del Premio ASFOR il ruolo da lei assunto quale Presidente di Expo 2015 SpA.
Il suo percorso denota una costante attenzione a promuovere l’innovazione e la responsabilità sociale dell’impresa e la sostenibilità dei processi di sviluppo, attraverso il rafforzamento delle competenze manageriali anche nelle organizzazioni non profit, con una forte focalizzazione all’eccellenza dei sistemi di formazione e innovazione da realizzarsi attraverso un sempre più stretto collegamento fra sistema educativo e sistema economico produttivo.
Un impegno, quello di Diana Bracco – rileva la motivazione del Premio ASFOR – che si può così sintetizzare: “costruire il futuro attraverso una forte leadership innovativa attenta alla Solidarietà”.
Dopo il conferimento del Premio Gianfranco Fabi, direttore di Radio24 de’ Il Sole 24 Ore ha contribuito ad approfondire durante l’intervista con i premiati i loro valori guida.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Lucky Strike Award premia i giovani designer

Next Article

Professione ricercatore…anche d’estate

Related Posts
Leggi di più

Maturità senza mascherine? Si apre uno spiraglio: “Con pochi contagi a giugno si possono eliminare”

Continua il dibattito sull'eliminazione delle mascherine a scuola. L'Italia è l'unico Paese in Europa che ha mantenuto l'obbligo di indossarle in classe per gli studenti ma cresce il pressing per eliminarle almeno durante gli esami di maturità e quelli della scuola media. Gli esperti: "Se il tasso di positività si abbasserà dall'attuale 13% al 10% ai primi di giugno allora potremo ragionare sull'eliminazione"