Premi per tesi sullo sviluppo sostenibile

L’Ecoistituto del Veneto anche per l’anno 2009, con il patrocinio della Provincia di Venezia, Assessorato alle politiche ambientali, bandisce un concorso per due borse di studio di 750 euro ciascuna.
Le borse di studio verranno consegnate alle migliori tesi di laurea, discusse nel corso dell’anno accademico 2008, presso qualsiasi facoltà delle Università del Veneto, su temi relativi allo sviluppo sostenibile.
L’ecocompatibilità degli insediamenti umani e produttivi è un parametro della Agenda 21 firmata a Rio de Janeiro dai governi di tutte le nazioni del mondo, ma rischia di restare un parametro teorico se non si pongono in essere proposte che consentano la convivenza tra l’uomo e il lavoro, tra ambiente e lavoro, tra salute e lavoro.
Per partecipare al concorso è sufficiente inviare entro il 30 aprile 2009 una copia della tesi di laurea alla sede dell’Associazione Bortolozzo in via Napoli 5, Mestre 30172, con specificati i dati anagrafici dell’autore, recapito e numero telefonico, la data di discussione e la facoltà ove è stata presentata.
I premi verranno consegnati con cerimonia pubblica nel corso del 2009, e i vincitori verranno informati con congruo anticipo.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Premio di tesi sul pensiero filosofico di Parinetto

Next Article

Times: atenei italiani sempre più giù

Related Posts
Leggi di più

Facebook, in Europa 10mila posti lavoro in 5 anni

. "La regione sarà messa al centro dei nostri piani per aiutare a costruire il metaverso che ha il potenziale di aiutare a sbloccare l'accesso a nuove opportunità creative, sociali ed economiche", spiegano Nick Clegg, Vice Presidente Global Affairs del colosso di Menlo Park
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.