Poste Italiane assume: opportunità per 1.070 diplomati

poste italiane assume

Poste Italiane assume – L’azienda sta reclutando 1.070 nuovi dipendenti per il periodo compreso tra Aprile 2014 e la fine dell’estate. Nel dettaglio, poste Italiane ha aperto le selezioni per 835 posti per portalettere e 235 per addetti allo smistamento della posta. Ai candidati prescelti verrà garantito un contratto a tempo determinato di 2, 3 6 mesi.

Requisiti minimi per candidarsi alla posizione di portalettere sono il possesso del diploma di scuola media superiore (votazione minima 70/100); avere la patente di guida, l’idoneità a portare il motociclo aziendale (125 cc) e il certificato medico d’idoneità generica al lavoro rilasciato dalla USL/ASL di appartenenza o dal proprio medico curante (con indicazione sullo stesso certificato del numero di registrazione del medico presso la propria USL/ASL di appartenenza).

Stessi requisiti, ad eccezione di quelli relativi alla patente e all’idoneità per guidare il motociclo, per gli aspiranti addetti allo smistamento postale.

Per inviare le vostre candidature dovete andare sul sito di Poste italiane, alla sezione Lavora con noi, registrarvi e caricare il vostro curriculum vitae.

Al momento, inoltre, l’azienda offre possibilità di stage di 6 mesi propedeutici all’inserimento in azienda a laureati in ingegneria gestionale. Per i tirocini, i requisiti richiesti, oltre alla laurea in Ingegneria gestionale, sono l’ottima conoscenza della lingua inglese e degli strumenti di Office Automation, l’avere una predisposizione a lavorare in un team e ad essere a contatto con i clienti.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Università di Padova - Insulta il professore su Youtube: escluso dagli esami per un anno

Next Article

Udu e Codacons promettono ricorsi collettivi per gli studenti che non passeranno i test d'ingresso

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.