Post laurea? Ora c’è il coach

coachingokkk.jpgPer entrarci ci vuole preparazione, buona volontà e costanza. Ma dopo la laurea si rischia di non essere più in forma e di aver perso qualche “colpo” per la strada. Eppure il mercato del lavoro li cerca forti, brillanti e “in forma”. Ecco allora che entra in campo il coach, un allenatore personalizzato per guidare il neolaureato nel mondo del lavoro.
Tra crisi e precarietà, ma anche nuove opportunità e dinamicità delle professioni, molti neo-laureati decidono di affidarsi a un “personal training” per orientarsi ed essere supportati nel loro ingresso nel mondo del lavoro. A sostenerlo, in una situazione che vede genitori e professori lontani dai nuovi scenari dell’occupazione, è Life Coach Italy.
“Il coach può aiutare la persona a chiarire e a ridisegnare i suoi sogni, le sue aspirazioni – dichiara Giovanna Giuffredi, Life, Corporate e Businsess Coach responsabile di Life Coach Italy- e ad affrontare sfide e ostacoli, con l’obiettivo di aumentare la propria consapevolezza rispetto alle capacità e alle potenzialità di cui si dispone. Il coaching, infatti, è un progetto di crescita mirato, con traguardi specifici, che facilita il cambiamento, attraverso un percorso autorigenerativo”.
Ma quanti sono realmente gli studenti che si rivolgono al coach? “Nell’ultimo anno – spiega Irene Morrione, coach di Amc Services, società di consulenza e formazione – abbiamo avuto una richiesta crescente sia di corsi per l’orientamento professionale sia di career coaching. Di solito, i ragazzi prima di venire da noi si rivolgono ai genitori per avere indicazioni e supporto. Questi, però, hanno spesso aspettative sui figli lontane dalla realtà lavorativa attuale: per molti genitori, il posto fisso è ancora l’unico desiderabile”. “Ciò che funziona nel coaching invece – continua Irene Morrione – è proprio la fiducia che ogni persona possa definire i propri obiettivi e abbia dentro di sé tutte le risorse per raggiungerli. Il coach non si sostituisce alla persona nella ricerca del lavoro, ma fa in modo che questa attivi tutte le sue risorse per trovarlo”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Il Polimi svela i segreti del suono

Next Article

Animatori e bagnini, posti liberi da subito

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.