Politecnico delle Arti e del Design di Firenze, nasce una nuova realtà. Bernini: “Progetto pilota”

Per la prima volta in Italia nasce una federazione tra accademia, conservatorio e Isia.

Può nascere una federazione di varie Arti? L’esperimento pilota a Firenze è formalmente partito ieri con l’inaugurazione dell’anno accademico 2022/2023 Conservatorio di Musica “Luigi Cherubini”, l’Accademia di Belle Arti di Firenze e Istituto superiore per le industrie artistiche (Isia), al Teatro Niccolini. La cerimonia si è svolta alla presenza di Anna Maria Bernini, ministro dell’Università e della Ricerca, Dario Nardella, sindaco di Firenze, Eugenio Giani, presidente della Regione Toscana.

La lectio magistralis è stata tenuta dal filosofo Sergio Givone sul tema “Perché fare Arte?”, volta ad approfondire come l’arte non sia solo “intrattenimento e decorazione” ma prima di tutto “cultura, strumento di conoscenza e patrimonio comune dell’umanità”. “Politecnico delle Arti di Firenze progetto pilota”, ha affermato durante l’intervento la ministra.

Politecnico per l’Arte

L’inaugurazione costituisce, di fatto, il primo atto pubblico del Politecnico delle Arti e del Design di Firenze e la presenza del ministro dell’Università e della Ricerca ne ha sottolineato l’innovazione a livello nazionale. Rosa Maria Di Giorgi, presidente del Conservatorio “Luigi Cherubini” e di Isia, Carlo Sisi, presidente dell’Accademia di Belle Arti, Giovanni Pucciarmati, direttore del Conservatorio, Francesco Fumelli, direttore di Isia, Claudio Rocca, direttore dell’Accademia di Belle Arti, hanno approfondito i molti aspetti inerenti la realizzazione del Politecnico delle Arti e del Design di Firenze, il ruolo che assumerà nell’alta formazione non solo a livello territoriale e nazionale, ma come punto di riferimento in ambito internazionale, delineando la propria missione istituzionale, basata sulla formazione e la ricerca artistica e scientifica.

Un progetto di alta formazione delinea nuovi scenari di eccellenza in settori strategici, incidendo anche sulla crescita e la competitività del Paese, cosi da rispondere al meglio alle mutevoli sfide di un dinamico mondo del lavoro nel quale diviene sempre più importante la pluralità di saperi e competenze, sia tradizionali che digitali, e formare le nuove professionalità da esso richieste.

LEGGI ANCHE:

Total
1
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Mamma finlandese scappa dalla Sicilia: "La scuola è un disastro, andiamo via"

Next Article

Chiodi e silicone al portone di ingresso della scuola: per entrare in classe arrivano i Vigili del fuoco

Related Posts
Leggi di più

Pisa, manganellate agli studenti alla manifestazione per Gaza

Scontri questa mattina nel centro della città toscana durante il corteo in favore della Palestina. Le forze dell'ordine hanno caricato i ragazzi che cercavano di entrare in piazza dei Cavalieri. "Sconcerto" da parte dell'Università.
Leggi di più

Elezioni Europee, ok al voto per gli studenti fuorisede

Via libera in Commissione Affari costituzionali alla proposta di far votare alle prossime elezioni in programma per l'8 e il 9 giugno chi studia in un Comune diverso da quello di residenza. Bisognerà però fare un'apposita richiesta 35 giorni prima.