Polemiche sui test: ci vuole una legge

Nemmeno il 2009 ha salvato la reputazione dei test per accedere all’università. Questa mattina hanno dato il via le facoltà di Medicina e Chirurgia che hanno messo a disposizione circa 8.000 posti per aspiranti medici.

Peccato che i ragazzi che si sono presentati ai test, questa mattina sono stati almeno il quadruplo. Così la riflessione sull’efficacia e sull’equità del metodo dei test d’ingresso è stata riaperta, non senza polemiche. A prendere la parola sulla questione è stata la responsabile legalità del Partito Democratico, Pina Picierno, che ha criticato i test d’ingresso in quanto, a suo parere, non strutturati su principi di merito reale.

“Oggi è il giorno in cui migliaia di studenti affronteranno i test d’ingresso per la facoltà di medicina, una corsa in cui un solo studente su sei otterrà la possibilità di studiare ciò che ha scelto e di misurarsi con le proprie aspirazioni per il futuro. Una corsa che accetterà o escluderà senza nessun principio di merito, esponendo i partecipanti a troppi casi di irregolarità palesi o sospette”.

La Picierno ha affermato che il posto tra i banchi dell’ateneo è, con questo metodo, una questione di fortuna e che a soffrirne non è solo il ragazzo ma l’intero Paese: “A pagare il prezzo di un sistema iniquo di selezione all’ingresso del percorso di studi non sono solo gli studenti, ma lo stesso futuro del Paese: si discuta al più presto la proposta di legge, che ho presentato, che prevede una modifica del sistema di accesso all’università, eliminando le barriere preventive per puntare a una selezione degli studenti nel corso degli anni e sulla base di capacità e impegno”.

A rivendicare il diritto all’accesso anche l’Unione degli Universitari, che per tutti i giorni dei test di accesso all’università distribuirà dei vademecum su come tutelarsi dalle irregolarità che si svolgono durante i test e dei biglietti del “SuperEnalotto del tuo futuro!”.

“Perchè sia chiaro – afferma il coordinatore Giorgio Paterna in un comunicato – che i test d’ingresso non sono altro che una lotteria in cui, se lo studente per un qualsiasi motivo mette una crocetta in maniera erronea o non riesce a partecipare al test, si è giocato il suo futuro”.

“Le rivendicazioni – specificano gli aderenti – non vogliono garantire il diritto alla laurea, ma il diritto all’accesso. Per questo l’Unione annuncia che “proseguirà anche l’azione legale intrapresa nel 2007 al Tar e che si è fermata al Consiglio di Stato”. “Senza una sentenza di merito – spiega Paterna – continueremo con un ricorso alla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo per rivendicare un diritto all’istruzione che in Italia, a differenza degli altri Paesi europei, viene negato con il numero chiuso”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Test d’ingresso: si parte da Medicina

Next Article

Il presidente Napolitano: "L’Università volano per il lavoro"

Related Posts
Leggi di più

Sesso con uno studente disabile: a processo una professoressa di sostegno

Si tratta di una docente di un istituto superiore in provincia di Firenze. I fatti risalgono al 2019 quando il ragazzo non era ancora maggiorenne. La donna, dopo il rapporto sessuale consumato all'interno dell'istituto scolastico, avrebbe chiesto allo studente di non raccontarlo a nessuno.
Leggi di più

Gli studenti rispondono a Bianchi: “Vergogna, bugiardo”

Non tarda a farsi sentire la reazione degli studenti alle dichiarazioni del Ministro, che ha dichiarato ieri di voler costruire una riforma della scuola in maniera “affettuosa". I sindacati verso lo sciopero del 30 maggio contro il decreto 36
Leggi di più

“Incompetente ed esibizionista”: ecco cosa pensano i giovani della politica italiana

Presentato il decimo rapporto dell'Osservatorio permanente sui giovani della Link Campus University. La ricerca ha interessato 5mila giovani tra i 16 e i 19 anni. La maggior parte di loro sono delusi dal mondo delle istituzioni ma vorrebbero una donna come Presidente della Repubblica. "I fondi del PNRR? Utilizziamoli per riparare ai danni psicologici provocati dalla DaD".