Plagio nella tesi, bufera sul ministro per l’istruzione tedesco

Il ministro federale Annette Schavan
Il ministro federale Annette Schavan

Il ministro federale per l’Istruzione e la Ricerca scientifica, Annette Schavan (Cdu), rischia di perdere il suo titolo di dottore a seguito della sua tesi contenente passaggi presi da altre opere e non esplicitamente indicati. Il consiglio di facolta’ dell’universita’ di Duesseldorf ha deciso con una maggioranza di 14 voti ed una astensione di aprire un procedimento che potrebbe condurre alla revoca del titolo di dottore al ministro. Il presidente del consiglio di facolta’, Bruno Bleckmann, ha tuttavia tenuto a precisare che “l’esito di questa procedura e’ aperto”

La signora Schavan, che ottenne il titolo di dottore nel 1980 con una tesi dal titolo “Persona e Coscienza”, ha sempre sostenuto di aver elaborato il suo testo secondo scienza e coscienza. Nel frattempo l’universita’ di Duesseldorf ha ritirato l’accusa al ministro di aver copiato “intenzionalmente” i passaggi contestati, ma la spada di Damocle continua tuttavia a pendere sulla sua testa. La signora Schavan ha ripetutamente manifestato l’intenzione di candidarsi al Bundestag alle prossime elezioni per la Cancelleria del 22 settembre, anche in caso di annullamento del suo titolo accademico. Nel febbraio 2011, era toccato all’allora ministro della Difesa, Karl-Theodor zu Guttenberg vedersi ritirare per plagio il suo titolo di dottore. Il mese successivo il ministro si era dimesso da tutte le cariche politiche e si era poi trasferito con la sua famiglia negli Stati Uniti.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Vaticano, il tesoro segreto coi soldi del Duce

Next Article

Sei un handicappato. Prof di lettere condannata a 280 euro di multa

Related Posts
Leggi di più

Green pass Day, regole controlli e eccezioni

Per i dipendenti che non hanno esibito la certificazione verde all’ingresso del luogo di lavoro è scattata da subito l’assenza ingiustificata e la sospensione dello stipendio, senza perdere il loro rapporto di lavoro, fino all’esibizione del Green pass.