Più bravi all’università grazie ai social network

Da oggi gli studenti universitari che trascorrono ore su Facebook e Twitter e si sentono in colpa per il tempo sottratto ai libri possono consolarsi con i risultati di una ricerca del Social Networks Security Research Group della Ben-Gurion University, presentata nell’ambito dell’Advanced Media Technology Conference a Macau.

Da oggi gli studenti universitari che trascorrono ore su Facebook e Twitter e si sentono in colpa per il tempo sottratto ai libri possono consolarsi con i risultati di una ricerca del Social Networks Security Research Group della Ben-Gurion University, presentata nell’ambito dell’Advanced Media Technology Conference a Macau.

Secondo gli autori dello studio “Predicting student exam scores by analyzing social network data“, coordinati da Michael Fire, gli studenti che usano i social (e tutti gli strumenti che internet mette a disposizione per socializzare e restare in contatto) per studiare, collaborare e confrontarsi con gli altri riescono ad ottenere voti migliori.

L’importante, sottolineano gli studiosi, è scegliere gli amici giusti con i quali chattare e studiare, creando gruppi di lavoro con i compagni di corso e scambiarsi materiale. A patto però di non esagerare con i rapporti virtuali e incontrarsi ogni tanto lontano da schermi e tastiere.

Chiara Cecchini

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Biglietti ridotti al cinema: ecco la novità 2013 per gli studenti

Next Article

Insulti razzisti in campo. Boateng si ribella.

Related Posts
Leggi di più

SDA Bocconi tra le prime 7 università al mondo per la formazione dei manager

Pubblicata la Combined Ranking sulla Formazione Manageriale stilata dal Financial Times. L'ateneo milanese si classifica al settimo posto guadagnando per cinque posizioni rispetto alla classifica del 2020. "Premiata la nostra capacità di assicurare il legame e la qualità delle interazioni con le aziende e i partecipanti".
Leggi di più

Ricerca, parte la caccia al fondo da 1,3 miliardi di euro per 180 dipartimenti d’eccellenza

Il Ministero dell'Università pronto all'assegnazione dei fondi per le strutture che si distinguono per una ricerca di qualità. Per il quinquennio 2023-2027 sono 350 le strutture che verranno selezionate ma solo 180 riceveranno i fondi dopo la valutazione da parte dell'Anvur. Padova, Statale Milano e Sapienza le università con più dipartimenti candidati.