“Piove: governo tecnico”

Singolare protesta degli studenti universitari e medi sotto il dicastero della Giustizia. Ombrelli colorati e striscioni che in maniera divertente evocano scenari non particolarmente ottimistici.

Un gruppo di studenti, anche per lanciare la manifestazione di sabato prossimo, ha aperto una decina di ombrelli colorati di fronte all’ingresso del ministero della Giustizia, esponendo anche un manifesto ironico che recita ‘Piove: governo tecnico‘, riferendosi alla vicenda del lacrimogeno sparato in via Arenula in occasione degli scontri del 14 novembre scorso.

”Vogliamo continuare a manifestare e scendere in piazza” -dice Daniele, dell’Universita’ della Sapienza.

“I fatti del 14 novembre scorso non ci hanno intimidito – continua lo studente – ” siamo ancora piu’ convinti che sia necessario che tutto il Paese, insieme agli studenti, scenda in piazza contro il governo e contro l’austerity.”

“In questo Paese c’e’ un problema di democrazia e di repressione del dissenso” conclude Daniele.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Sapienza: "nel Paese c'è troppa tensione". Stop alla cerimonia inaugurale

Next Article

Profumo scrive agli studenti: "Ascolto sempre chi manifesta"

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.