Pesaro, svastica su cartello scuola 'Anna Frank' risponde il sindaco: "Ignoranti contro storia"

epa02301645 (FILE) A file picture dated 12 December 2007 shows an original photograph of Anne Frank displayed at Mullock’s Auction house in Birtley, Britain, belonging to a small collection of items related to Anne Frank. The tree that Anne Frank could see from her hiding place during World War II is taken away in pieces in Amsterdam, The Netherlands, on 26 August 2010. Three days before, the tree blew over in strong winds. The trunk was broken about one and a half metres above the ground. EPA/ANITA MARIC ***UK AND IRELAND OUT***

Il sindaco di Pesaro Matteo Ricci, dopo il caso delle svastiche, lancia una maratona di lettura del Diario di Anna Frank in sinagoga, con gli studenti delle superiori e le istituzioni. L’iniziativa è in programma domani, dalle 9.30 alle 13: “Quattro turni di studenti e cittadini che entreranno nella sinagoga, ascoltando e leggendo brani dal diario. Il volume sarà distribuito a tutti i giovani. Ci saranno anche momenti di riflessione affidati alla musica. La risposta migliore è la memoria”. Nel frattempo il profilo di Ricci è stato bloccato per alcune ore da Facebook. “Incredibile! @facebook mi ha bloccato la pagina. Abbiamo denunciato la vergogna delle svastiche alla scuola Anna Frank e vengo bloccato?”, scrive su twitter.
 
“Ignoranti e delinquenti. Siete contro la storia e l’umanità. Faremo denuncia contro ignoti e ripuliremo subito. Non vanno sottovalutati certi comportamenti di pericolosa intolleranza e nuovo estremismo. Continueremo il lavoro sulla memoria nelle scuole affinché i valori di libertà e uguaglianza siano per sempre. #wepesaro”. Così il sindaco di Pesaro Matteo Ricci sulla svastica disegnata sul cartello della scuola intitolata ad Anna Frank disegnata nella notte da ignoti con una bomboletta spray color nero.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Opportunità: 1600 posti di lavoro nei trasporti per i giovani

Next Article

Bullismo e cyberbullismo, Italia tra dieci paesi dove avviene di meno ma fenomeno in crescita

Related Posts
Leggi di più

Raid vandalico davanti alla sede dell’Usr a Roma: scritte e fumogeni contro le denunce agli studenti per le occupazioni

Questa notte il movimento studentesco "La Lupa" ha messo a segno un blitz davanti alla sede dell'Ufficio scolastico regionale del Lazio per protestare contro la circolare del direttore generale che invitava i presidi a denunciare gli studenti che avevano dato vita alle occupazioni degli istituti nelle scorse settimane. In alcune scuole romane sono già stati presi i primi provvedimenti e avviate le procedure per le richieste di risarcimento dei danni.