Pensione settembre 2020: quando la domanda e cosa controllare

Quando va presentata domanda di pensione e di cessazione dal servizio se si vuole accedere alla pensione il 1 settembre 2020?

Gentilissimi,
vorrei avere conferma di due aspetti del mio imminente pensionamento.
Compio 67 anni a novembre 2020, dovrò fare domanda di pensionamento a gennaio/febbraio 2020 per andare in pensione il 1/09/20, è corretto?
Inoltre vi chiedo se la prima pensione la percepirò già a settembre 2020.
Ringrazio per il riscontro che vorrete darmi,
Cordiali saluti

Solitamente per il pensionamento del personale del comparto scuola è necessario inviare domanda di cessazione dal servizio entro le date stabilite annualmente dal MIUR. Se non si presenta la domanda di cessazione entro le 23:59 della data di scadenza prevista dal Ministero, infatti, si sarà costretti a restare in servizio per un altro anno.
La circolare recante le date di scadenza per la presentazione della domanda di cessazione dal servizio non è stata ancora emanata dal MIUR anche, se ormai, si attende a giorni e verosimilmente, come lo scorso anno, la data ultima per la presentazione dovrebbe essere fissata entro il mese di dicembre 2019.
Mi raccomando, quindi, di tenere d’occhio le comunicazioni del MIUR per essere a conoscenza della data ultima.
Nel frattempo, però, le consiglio di controllare anche le sue credenziali su Istanze online per vedere se funzionano correttamente poichè la procedura di presentazione è esclusivamente online sulla piattaforma Polis. Se le credenziali non dovessero funzionare, dunque, avrebbe tutto il tempo di procedere al riguardo.Nel caso, invece, non risulti iscritta alla piattaforma in questione, le consiglio di registrarsi il prima possibile.
orizzontescuola

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Avanguardie Educative: mille porte sulla scuola del futuro

Next Article

Prof nazista all'università di Siena, il rettore: "Chiederò sospensione o licenziamento"

Related Posts
Leggi di più

Scuole occupate, nessuna retromarcia sulle sanzioni agli studenti: “Ci sono 500mila euro di danni. Qualcuno deve pagarli”

Il direttore generale dell'Ufficio scolastico regionale del Lazio, Rocco Pinneri, conferma la linea dura sulle denunce (e richiesta di risarcimento dei danni) nei confronti degli studenti che prima di Natale avevano occupato diversi istituti. "Una cosa è manifestare democraticamente, un'altra violare il diritto all'istruzione" ha detto. Oggi nuovo incontro con il movimento de "La Lupa".
Leggi di più

Covid, in arrivo nuove regole a scuola: Ffp2 gratis per gli studenti in autosorveglianza e stop ai certificati medici per tornare in classe

In arrivo un nuovo decreto per cercare di semplificare e uniformare le regole sui contagi a scuola. Si cercherà di alleggerire il carico dei tamponi sia alle famiglie che alle Asl abolendo l'obbligo, oggi in vigore per le scuole primarie, quando c'è soltanto un caso positivo nel gruppo classe. E alle superiori per tornare in classe non servirà più il certificato medico ma solo un tampone rapido.