Patrick, l’ansia della famiglia: “Lo lasciano senza cure. Il suo desiderio più grande? E’ tornare a studiare a Bologna”

Oggi altra udienza per il rinnovo della carcerazione di Zaki, lo studente egiziano dell’Alma Mater di Bologna. La sorella: “Gli mandiamo libri in italiano”

Oggi altra udienza per il rinnovo della carcerazione di Zaki, lo studente egiziano dell’Alma Mater di Bologna. La sorella: “Gli mandiamo libri in italiano”

Ansia e depressione. Il mal di schiena e l’asma che preoccupa ancora di più visto che non l’hanno nemmeno vaccinato contro il Covid. “Non gli danno medicine, nessuna terapia per la schiena, la vulnerabilità al coronavirus”: lancia l’allarme Marise Zaki, la sorella di Patrick, lo studente egiziano dell’Alma Mater di Bologna detenuto a Il Cairo da oltre un anno con l’accusa di propaganda sovversiva.

L’ENNESIMA UDIENZA

In queste ore il quasi 30enne studente sarà davanti al giudice per l’ennesimo rinnovo della custodia cautelare, mentre da Bologna, dal resto d’Italia e da tante parti del mondo continuano gli appelli per la sua liberazione. Madre e fidanzata sono andati a trovarlo qualche giorno fa, la famiglia l’ha trovato dimagrito, fiaccato, depresso.

I LIBRI

“Gli manca tantissimo Bologna” ha raccontato la sorella in un’intervista al Corriere della Sera. “Vorrebbe incontrare i suoi amici, stare con la sua famiglia. Gli ho fatto arrivare molti libri, anche in italiano così che non dimentichi la lingua nella quale ha studiato e vuole tornare presto a esercitarsi”.

L’ANGOSCIA E LA VICINANZA

I familiari si dicono comprensibilmente “delusi e scoraggiati” per questa “detenzione lunga e senza motivo”. Da Bologna, e dalla sua comunità universitaria, per prima si è levato il grido che ne chiede la scarcerazione immediata. “Grazie per quello che state facendo per lui, è fondamentale che non si senta abbandonato”.

IL COMPLEANNO

Bologna e gli studi sono il pensiero fisso del ragazzo che fra due settimane compirà 30 anni. “Gli auguro di poter tornare a casa e più di tutto nella sua Bologna a studiare perché so che è il suo desiderio più grande. Vuole imparare a crescere, non credo proprio sia un crimine”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Valentino Rossi diventa materia dell'esame di maturità: studente-tifoso presenterà una tesina su di lui

Next Article

Lavoro, ad aprile calano i giovani disoccupati e gli inattivi ma la ripresa è ancora lontana

Related Posts