Parti in Europa! Posti al Comitato economico e sociale

Schermata 2013-03-01 a 11.06.46

C’è tempo fino al 31 marzo per candidarsi ai Long-term traineeships. Domande aperte anche per i tirocini brevi

Volete mettervi alla prova e partire per un’esperienza all’estero? L’occasione giusta potrebbe arrivare dal Comitato economico e sociale europeo. Il CESE è organo consultivo dell’UE con sede a Bruxelles e due volte l’anno mette a disposizione i suoi uffici per tirocini di cinque mesi rivolti a laureati.

C’è tempo fino al 31 marzo per inviare la propria domanda e prendere parte all’Autumn traineeship che si svolgerà dal 16 settembre 2013 al 16 febbraio 2014.

Dopo la candidatura tramite l’application form, se sarete selezionati riceverete un’email in cui vi sarà richiesta la documentazione da presentare.

Ma il Comitato offre anche quelli che sono denominati “short traineeships”, cioè tirocini di breve durata (da uno a tre mesi) e non retributi. In questo caso non c’è una deadline per partecipare.

Tra i requisiti è indispensabile poter contare sull’ottima padronanza di una lingua dell’Unione Europea e sulla buona conoscenza di una seconda lingua comunitaria. Una di queste deve essere necessariamente l’inglese o il francese, lingue ufficiali di lavoro del CESE.

Chiaramente una buona dimestichezza con l’inglese dovrete già dimostrarla per la lettura del bando e di tutte le informazioni richieste che accompagneranno la candidatura da questa pagina:

www.eesc.europa.eu/?i=portal.en.traineeships

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Napoli 1 - Juventus 1

Next Article

Settimana all'insegna del teatro nella Capitale

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.