Parte il master di Napoli Teatro Festival e Università di Salerno

Parte il Master Europeo di Progettazione e Organizzazione Culturale promosso da Napoli Teatro Festival Italia e dal Dipartimento di Scienze della Comunicazione dell’ Università degli Studi di Salerno.
Il master, in collaborazione con il Théâtre de la Ville di Parigi, il Ministero della Cultura di Spagna e le Regioni Campania, Calabria, Puglia, Sicilia e Basilicata, impegnerà venti giovani in lezioni, attività di laboratorio, seminari, stage e tirocini.
Sotto la direzione di Renato Quaglia, direttore artistico del Napoli Teatro Festival Italia e il professor Annibale Elia dell’Università di Salerno, e con la partecipazione di professori universitari ed esperti del settore, il corso si articolerà in diverse fasi.
Le lezioni si svolgeranno presso l’Università di Salerno a Fisciano; gli stage a Napoli, dove si prepara la seconda edizione del Napoli Teatro Festival. Infine le attività di tirocinio che prevedono settimane di lavoro in Francia al Théâtre de la Ville di Parigi e in Spagna in alcuni dei principali teatri di Madrid, e un periodo di lavoro presso il Teatro Verdi di Salerno.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La Gelmini firma la circolare

Next Article

Napolitano: "Non si faccia di tutta l'erba un fascio"

Related Posts
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.