Parma, stop alle elezioni del nuovo rettore Il Tar dà ragione al Miur e Ferretti resta in carica

Il T.A.R. dell’Emilia accoglie il ricorso del Ministero dell’Istruzione impedendo alla comunità accademica di Parma di celebrare le elezioni per il rinnovo del rettore, scaduto nel 2011. Salgono a quindici, gli atenei italiani che non potranno esprimersi attraverso le legittime consultazioni elettorali

Bloccate le elezioni per il nuovo rettore a Parma. Il Tar dell’Emilia, accogliendo il ricorso del Ministero dell’Istruzione, ha automaticamente prorogato il mandato di Gino Ferretti, già  “scaduto” nel 2011. Dal 2000 a capo dell’ateneo emiliano, Ferretti potrà continuare a conservare la sua poltrona, occupata già dal 2000.  

La decisione del Tribunale è stata accolta dal comitato dei professori “no-proroga rettori” come l’ennesimo attacco alla democrazia. Mentre alla Statale di Milano, nella medesima situazione di Parma quanto a scadenza del mandato rettorale, si sta procedendo alle elezioni, confrontandosi sui voti riportati da ciascun candidato rettore e dibattendo sui risultati della prima tornata di elettorale, l’ateneo emiliano resta fermo a dodici anni fa.

“Come cittadini, prima che come docenti universitari, personale tecnico-amministrativo e studenti, ci indigna che con l’espediente del comma 42-ter inserito nella spending review il Governo Monti sia riuscito a privare ben 15 Atenei italiani della possibilità di esprimersi attraverso le legittime consultazioni elettorali”, ha sottolineato il Comitato. Tra le scelte più criticate quella di “premiare rettori uscenti da più mandati consecutivi e dunque incandidabili, responsabili in prima persona dello stato di agonia in cui versano i rispettivi atenei, con ben due anni di proroga”.

Il comitato ha ribadito in questi giorni la volontà di “continuare a svolgere un’opera di denuncia degli abusi perpetrati ai danni di una comunità accademica che altro non chiedeva, se non esercitare il diritto alle legittime elezioni per il rinnovo dei propri vertici, ci appelliamo al Presidente della Repubblica Napolitano, al Presidente del Consiglio Monti, ai partiti che sorreggono il Governo e alle opposizioni, affinché si riconosca che quanto previsto dal comma 42 ter non può in alcun caso considerarsi applicabile ai Rettori il cui mandato scadeva nel 2011, avendo costoro già goduto dell’anno di proroga che spettava loro per legge”.

 

 

 

Total
0
Shares
1 comment
  1. Per la precisione: è vero che a Milano lunedì eleggiamo il nuovo rettore, arrivati al terzo e ultimo turno elettorale, però il precedente si è dimesso sua sponte.

Lascia un commento
Previous Article

Zètema: "Concorso truffa", i candidati si scatenano su facebook

Next Article

Patto per i giovani, sbarca in Italia il Movimento di Francoforte

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.