Parma, l'online servito e finanziato

unipr.jpgL’ateneo parmense riceverà un finanziamento di ben 100.000 euro per il progetto “UNIPRoject”, realizzato nell’ambito dell’iniziativa “ICT 4 University – Campus Digitali”, coordinato dal Dipartimento per l’Innovazione e la Tecnologia della Presidenza del Consiglio dei Ministri e finalizzato all’estensione di servizi online di tipo amministrativo e didattico per gli studenti universitari.
Su 60 università partecipanti, solo 34 sono state finanziate. Il progetto dell’ateneo di Parma si è posizionato al quinto posto nella graduatoria di merito e ha ottenuto il massimo finanziamento possibile.
Il progetto “UNIPRoject”, oltre a garantire l’attivazione, nel corso del prossimo anno, delle immatricolazioni via web e della verbalizzazione degli esami online (in prima fase sperimentale per due facoltà), prevede la realizzazione di “UNIPoRtal – Nuovo Portale di Ateneo”, una nuova versione del sito web con l’acquisizione di un software più avanzato che consentirà la gestione coordinata dei contenuti web sia a livello centrale che a livello di Facoltà e Dipartimenti e l’integrazione dei servizi online nel portale.

Manuel Massimo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Numero chiuso, questione ancora aperta

Next Article

Giovani dermatologi premiati da Merck Serono

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.