Parentopoli, una storia lunga una vita

Non c’è mai fine a parentopoli. Stavolta a ritrovarsi le telecamere di “Striscia” in ufficio, l’ex Rettore dell’Università di Foggia Antonio Muscio.

Non c’è mai fine a parentopoli. Stavolta a ritrovarsi le telecamere di “Striscia” in ufficio, l’ex Rettore dell’Università di Foggia Antonio Muscio.

Mingo e “il buon Fabio” sono entrati con tanto di grata e lucchetti come si fa sul ponte Milvio a Roma per ricordare all’ex magnifico la lunga lista di nomi a lui aggrappati. Aurelia Eroli moglie del docente, la figlia Rossanna Muscio, il figlio Alessandro, la nuora Janine Laverse, il genero Ivan Cincione, la sorella del genero Pamela Cincione e infine la nipote Eliana Eroli. Insomma, una famiglia molto attaccata all’ateneo.

Quello di Muscio non è un caso isolato, Mingo infatti andò a far visita anche al Direttore Amministrativo dell’Università di Bari Giorgio De Santis il quale vantava ben dodici parenti in ateneo.

Una storia vecchia ma tristemente attuale.

Tu cosa ne pensi?

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Gli studenti contro Michel Martone Martone

Next Article

Unisa: un osservatorio "social"

Related Posts
Leggi di più

SDA Bocconi tra le prime 7 università al mondo per la formazione dei manager

Pubblicata la Combined Ranking sulla Formazione Manageriale stilata dal Financial Times. L'ateneo milanese si classifica al settimo posto guadagnando per cinque posizioni rispetto alla classifica del 2020. "Premiata la nostra capacità di assicurare il legame e la qualità delle interazioni con le aziende e i partecipanti".