Palermo, appalti solo senza "pizzo"

pizzomafia.jpgIl concetto di “legalità” s’insegna e s’impara grazie a piccoli/grandi gesti quotidiani. Le facoltà, i dipartimenti, gli uffici amministrativi delle sedi centrale e periferiche dell’Università di Palermo potranno avvalersi solo di fornitori che hanno dichiarato di non pagare il “pizzo”: è questa una delle azioni concrete messe in campo dall’ateneo del capoluogo siciliano, una delle più grandi stazioni appaltanti della Sicilia, per combattere la mentalità mafiosa e dell’omertà.
Lo ha annunciato il rettore Roberto Lagalla, che proprio ieri ha firmato la direttiva, intervenendo allo Steri alla manifestazione per commemorare il trentesimo anniversario dell’omicidio di Boris Giuliano.
Una decisione assunta dal Senato accademico e dal Consiglio di amministrazione che adesso diventa operativa. «Dopo l’intesa con la Prefettura e la sottoscrizione del protocollo di legalità e in sintonia con l’iniziativa di Addiopizzo – afferma Lagalla – abbiamo introdotto l’obbligo per tutti i fornitori dell’ateneo che si presentano alle gare d’appalto o che assumono incarichi diretti di sottoscrivere preventivamente una dichiarazione in cui affermano di non essere soggetti al pagamento del “pizzo” e a qualsiasi altra forma di condizionamento criminale. Chi verrà scoperto a rendere dichiarazioni mendaci sarà sottoposto a dure sanzioni».
Per combattere l’illegalità ed educare all’impegno civile, osserva Lagalla «è necessario che tutti, docenti e formatori, diamo la nostra testimonianza ai giovani». Durante l’incontro, il rettore ha anche donato una medaglia d’argento dell’ateneo alla vedova del vicequestore ucciso dalla mafia.

Manuel Massimo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Giovani alcolizzati, nuova vittima a Londra

Next Article

Harvard, docente scambiato per ladro

Related Posts
Leggi di più

Pronti gli aumenti per le borse di studio: per gli studenti fuori sede ci sono 900 euro in più

Il decreto del Ministero dell'Università che fissa i nuovi criteri per l'assegnazione delle borse di studio è al vaglio della Corte dei conti e sta per entrare in vigore. Previsto un aumento medio di 700 euro per ogni studente ma per alcuni casi gli importi saranno anche superiori: per chi studia lontano da casa e non è assegnatario di un posto letto l'assegno passerà da 5.257,74 a 6.157,74 euro.