Otto studenti su dieci a scuola in presenza: ecco i nuovi dati del Ministero sul rientro in classe. I docenti assenti sono l’8%

Il Ministero dell’Istruzione ha diffuso i dati sulle presenze a scuola nella settimana che va dal 17 al 22 gennaio. Tra Dad e Ddi le classi che stanno facendo lezione a distanza sono il 30% del totale. Il ministro Bianchi: “Numeri che dimostrano la bontà delle scelte fatte. Adesso regole più semplici per aiutare studenti e famiglie”.

Oltre l’80% degli studenti italiani ha frequentato in presenza la seconda settimana di lezioni dopo la ripresa dalla pausa natalizia mentre i docenti assenti erano solo l’8,3% del totale. Sono questi i dati diffusi oggi dal Ministero dell’Istruzione che riguardano la settimana tra il 17 e 22 gennaio. Dati ufficiali, quindi, che non mancheranno di allargare le polemiche innescate dai presidi che in queste settimane hanno lamentato una percentuale di assenze (soprattutto tra i docenti) superiore a quella che invece è stata rilevata dal Ministero.

Dal monitoraggio effettuato risulta che l’84,5% delle classi ha frequentato in presenza, ma di queste il 15,3% era in didattica digitale integrata. Risultano in Dad o in quarantena il 15,5% del totale delle classi che hanno partecipato alla rilevazione. Secondo il monitoraggio del ministero dell’Istruzione, che ha coinvolto l’84% delle classi e l’83,6% degli alunni, la percentuale di alunni in presenza è l’81,9%. Gli alunni positivi o in quarantena alla scuola dell’infanzia sono il 21,7%, alla primaria il 21,5% e alla secondaria, dove è prevista anche da Ddi, sono il 15,6%.

I docenti in presenza sono invece il 91,3%, e il 99,2% del personale docente e ATA è in regola con l’obbligo di vaccinazione. Le unità di personale destinatarie di provvedimenti di sospensione dal servizio per inadempienza sono meno dell’1% della vasta platea complessiva.

La scorsa settimana il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi aveva fornito in Parlamento, in commissione Cultura, alla Camera, in seduta pubblica, quelli relativi al periodo 10-15 gennaio. Da questa settimana i dati saranno pubblicati, su indicazione del ministro, con cadenza settimanale (ogni venerdì) in un’apposita sezione creata sul sito istituzionale del ministero.

“I dati ci dicono che oltre l’80% delle studentesse e degli studenti, anche nella seconda settimana dopo il rientro dalla pausa festiva, ha frequentato la scuola in presenza- sottolinea il ministro Bianchi- È un dato che rispecchia il quadro nazionale dell’andamento pandemico e dimostra la bontà delle scelte fatte. Continueremo a monitorare la situazione, insieme alle autorità sanitarie nazionali e al ministero della Salute, per garantire a tutti la massima sicurezza. Al contempo, stiamo lavorando a ulteriori semplificazioni che possano aiutare scuole e famiglie ad affrontare con la massima serenità e rapidità possibile la gestione dei casi di positività in ambito scolastico”

Total
1
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Si laureano prima ma guadagnano di meno rispetto agli uomini: la vita in salita delle donne dopo la fine dell'università

Next Article

Studenti in piazza per Lorenzo: "No a questa alternanza che uccide"

Related Posts
Leggi di più

Ue, quattro scuole italiane vincono il premio per l’insegnamento innovativo

Annunciati i vincitori dell'edizione 2022 del Premio europeo per l'insegnamento innovativo EITA- European Innovative Teaching Award: sono l'Istituto tecnico agrario “A. Trentin” di Lonigo (Vicenza), la scuola secondaria Statale di Primo Grado "G.Bianco- G. Pascoli" di Fasano (Brindisi), l'Istituto comprensivo "D'Azeglio-Nievo" di Torino e "Ettore Guatelli" a Collecchio (Parma). Il 25 ottobre la consegna dei premi a Bruxelles.