Österreich Institut di Roma: tirocinante cercasi

L’Österreich Institut di Roma offre un tirocino presso la propria struttura romana della durata di 2-3 mesi a partire da maggio 2010.

L’Österreich Institut di Roma offre un tirocino presso la propria struttura romana della durata di 2-3 mesi a partire da maggio 2010.
I possibili ambiti di competenza sono marketing, assistenza nell’organizzazione e nella realizzazione di eventi (incluso lavoro di marketing e ufficio stampa), collaborazione nell’organizzazione dell’ufficio.
Sono richieste conoscenza del tedesco e dell’italiano, competenze informatiche e flessibilità. Il tirocinio è a titolo gratuito,  ma assicura una formazione in un contesto internazionale, totalmente in lingua tedesca e possibilità di scelta di orari.
L’Österreich Institut è stato fondato nel 1997  per la diffusione dei corsi di lingua tedesca, per il sostegno e la promozione dell’insegnamento del tedesco all’estero e per la cooperazione con organizzazioni nazionali ed internazionali. La società è di proprietà della Repubblica d’Austria e la sua rappresentanza è assunta dal Ministro Federale per gli Affari Europei ed Internazionali.
Le candidature vanno inviate per e-mail alla Direttirce  Dott.ssa Elisabeth Ebner  [email protected]
Per maggiori informazioni consultare la pagina del sito dell’Istituto.
Giuliano Levato

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Communication studies

Next Article

Agosto-Settembre 2010: Climatic Change

Related Posts
Leggi di più

Facebook, in Europa 10mila posti lavoro in 5 anni

. "La regione sarà messa al centro dei nostri piani per aiutare a costruire il metaverso che ha il potenziale di aiutare a sbloccare l'accesso a nuove opportunità creative, sociali ed economiche", spiegano Nick Clegg, Vice Presidente Global Affairs del colosso di Menlo Park
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.