Orientarsi con la Guida, Dams

Prima la laurea e poi gli stage e l’estero. Per Andrea Perini il Dams è stato solo il primo tassello della sua formazione. Il resto? Tutta esperienza. Oggi Andrea lavora in una televisione locale e da due anni telecamera e microfono sono i principali strumenti della sua professione.

L’intervista a Andrea Perini, reporter e laureato in Dams

Prima la laurea e poi gli stage e l’estero. Per Andrea Perini il Dams è stato solo il primo tassello della sua formazione. Il resto? Tutta esperienza. Oggi Andrea lavora in una televisione locale e da due anni telecamera e microfono sono i principali strumenti della sua professione.

Quali sono state le esperienze e gli studi che l’hanno realmente formata?
Le esperienze come stagista in un workshop destinato ad attori, registi, sceneggiatori con importanti registi italiani. Per quanto riguarda gli studi, sicuramente i viaggi studio in Inghilterra nei college.

Quali problemi riscontrano i laureati in questo settore?
Sicuramente la difficoltà del settore stesso, essendo quello dello spettacolo in generale un mondo pieno di raccomandazioni e di difficile inserimento per chi, appunto, non riesce ad averne.

Un consiglio ai ragazzi che oggi vogliono intraprendere questa strada?
Di studiare e prepararsi molto, e soprattutto di avere una spiccata versatilità nei vari ambiti.

E per chi vuole diventare attore?
Esistono le scuole di recitazione apposite. Non è assolutamente compito del Dams preparare queste figure.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Bambini alla scoperta dei dinosauri

Next Article

Fuga di cervelli? Semmai li "importiamo"...

Related Posts
Leggi di più

Pisa, manganellate agli studenti alla manifestazione per Gaza

Scontri questa mattina nel centro della città toscana durante il corteo in favore della Palestina. Le forze dell'ordine hanno caricato i ragazzi che cercavano di entrare in piazza dei Cavalieri. "Sconcerto" da parte dell'Università.
Leggi di più

Elezioni Europee, ok al voto per gli studenti fuorisede

Via libera in Commissione Affari costituzionali alla proposta di far votare alle prossime elezioni in programma per l'8 e il 9 giugno chi studia in un Comune diverso da quello di residenza. Bisognerà però fare un'apposita richiesta 35 giorni prima.