Orientale in rosa

L’Orientale dedica alle donne un’intera giornata con il convegno“Le pari opportunità in Europa e nel Mediterraneo” e “Giornata informativa sull’impresa al femminile”.

L’Orientale di Napoli, il prossimo martedì 21 dicembre, dedica alle donne un’intera giornata con il convegno “Le pari opportunità in Europa e nel Mediterraneo”.
A partire dalle ore 10.30 presso la sala conferenze di via Chiatamone, si susseguiranno gli interventi dei tanti relatori previsti per la giornata. Introdurranno i lavori il Dott. Maurizio Maddaloni Presidente della Camera di Commercio di Napoli insieme al Dott. Riccardo De Falco Direttore dell’Eurosportello di Napoli. Interverranno, inoltre, la prof.ssa Valentina Grado con una relazione dal titolo “Le parità di trattamento tra uomo e donna nell’ordinamento dell’UE” e la prof.ssa Ersilia Francesca che discuterà la parità di genere nel Mediterraneo.
Nel pomeriggio, alle ore 15.00, si continuerà con la seconda parte del convegno “Giornata informativa sull’impresa al femminile. START UP: dall’idea all’impresa” all’interno del quale si presenterà il progetto europeo WAI – Woman Ambassadors in Italy. Silvana Rizzo, ambasciatrice WAI, modererà il tavolo di lavoro a cui prenderanno parte, tra gli altri, la Presidente della Federazione Italiana Donne Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili FIDDOC Liliana Speranza e la Business Line Manager Permanent Placement Italia Manpower Patrizia Iaccarino.
Per conoscere in dettaglio il programma clicca qui.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Assistenza sanitaria in ateneo Ecco a chi rivolgersi

Next Article

Nuove figure web 2.0

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.