Orientacruise, la prima nave dell’orientamento in Italia

savona
Orientacruise, la prima nave dell’orientamento italiana

 

L’Educational Tour non si ferma. L’iniziativa, promossa dalla fondazione Italia Orienta in più di 40 scuole in giro per l’Italia questa svolta prende il largo. E’ partita lunedì 2 dicembre, infatti, Orientacruise, la prima nave dell’orientamento italiana.

Sono oltre 200 gli studenti a bordo della Costa Pacifica, accompagnati da presidi, insegnanti e orientatori. L’idea è quella di abbinare il divertimento allo studio, dando la possibilità ai singoli studenti di riflettere  sulla capacità di scegliere in base alle proprie capacità e ai propri talenti.

“Abbiamo deciso di aderire a questa iniziativa dopo aver partecipato alla tappa speciale dell’Educational Tour di Ischia, ha commentato ai microfoni del Corriere dell’Università il vicepreside dell’Istituto Telese. E’ importante, secondo il nostro parere, abbinare la parte ludica a quella professionale”.

I ragazzi, infatti, avranno la possibilità di vedere da vicino come funziona il lavoro del domani: “Siamo studenti dell’alberghiero, e siamo felici di osservare in prima persona il lavoro che un giorno magari ci ritroveremo a fare” – raccontano gli studenti.

A bordo sono tantissime le iniziative: si parte dai workshop “Sulla rotta del futuro” fino ai laboratori “Sulla scoperta degli interessi”, senza dimenticare le opportunità di lavoro oltre confine, discusse nel workshop “Studiare e lavorare all’estero”. Ogni singolo studente, inoltre, avrà la possibilità di poter usufruire di colloqui individuali a bordo.

Ajaccio, Savona e Barcellona: sono queste le tappe “obbligate” dell’Orientacruise, dove i giovani potranno fermarsi e visitare la città.

“E’ fondamentale che i giovani vengano orientati verso i mercati del lavoro in base alle offerte che questi proporranno – commenta il presidente della Fondazione Mariano Berriola. Noi siamo convinti che molte volte i ragazzi basino su luoghi comuni la propria idea di lavoro, Italia Orienta fa in modo che di ogni professione verso la quale mostrano interesse, conoscano oneri e onori. E’ importante che arrivino preparati e con le idee chiare alla scelta da fare dopo il diploma. Per evitare abbandoni, insuccessi, per prevenire la disoccupazione”.

“Dopo aver girato tutta l’Italia, l’Educational Tour sbarca in Europa” – ha commentato Lucia Esposito, coach e consulente di orientamento, responsabile dell’evento.

Ecco alcune delle foto dei ragazzi a bordo dell’Orientacruise 

IMG-20131204-WA0008
I ragazzi partecipano al workshop “Sulla rotta del futuro” all’interno della nave

 

 

IMG-20131204-WA0012
Lo staff di Orientacruise

 

IMG-20131204-WA0015
Casa Batllò a Barcellona

 

IMG-20131204-WA0017
Gli studenti sulle Ramblas…

 

IMG-20131204-WA0026
Gli studenti a lavoro per il workshop “Sulla scoperta degli interessi”

 

IMG-20131204-WA0028
L’incontro con il capitano dell’Orientacruise e lo staff di bordo

 

IMG-20131204-WA0008
I ragazzi a bordo seguono i workshop sull’orientamento

 

foto 3
La visita alla Sagrada Familia

 

Raffaele Nappi

Total
0
Shares
1 comment
  1. Una idea ottima per i ragazzi che in un clima anche ‘vacanziero’ riescono a vedere come si svolgerà il loro eventuale lavoro!!! Sono una orientatrice della Reg.Campania di Avellino, tenetemi al corrente delle prossime iniziative del genere!Grazie e buon lavoro!!! P.S.Mi piacerebbe lavorare in questa nuova(per me)impresa!!! maria paola ciasullo

Lascia un commento
Previous Article

Stamina, ora il Tar boccia il Ministero

Next Article

Specializzazione Medicina. Carrozza: "Quest'anno saranno disponibili solo 2 mila posti"

Related Posts
Leggi di più

Legge sul reclutamento dei docenti: la formazione porterà nelle tasche dei prof più di 6mila euro

Ok al decreto sul Pnrr 2 che individua le nuove regole sul nuovo sistema di formazione per la classe docente: i tecnici del Senato hanno ipotizzato che chi porterà a termine il percorso di aggiornamento avrà un aumento una tantum di circa 6100 euro lordi. Intanto domani nuovo incontro sul rinnovo del contratto collettivo: si va verso un riconoscimento in busta paga di 50 euro netti per tutti.