Orefici, corso e stage con Bulgari

stage con bulgari

Il celeberrimo brand del lusso, insieme alla Foral, offre la possibilità di imparare un mestiere con relativ qualifica professionale

Orefici, si diventa così. Pensate di poter usufruire di un corso gratuito per imparare a conoscere i sistemi di lavorazione al banco di un gioiello. Pensate di poter apprendere un mestiere da zero, svolgendo attività pratiche in laboratorio e stage griffati Bulgari.

Sì perché la famosa società italian attiva nel settore del lusso, terzo gioielliere al mondo, è partner del corso per operatore delle lavorazioni artistiche – oreficeria organizzato dalla For.al.

Per partecipare è sufficiente essere in possesso di un diploma e trovarsi in stato di disoccupazione. C’è tempo fino al 21 giugno per  inviare la domanda scaricabile da  www.foral.org e il curriculum vitae all’indirizzo [email protected] oppure via posta in via Raffaello 2, Valenza (AL).
Il corso che, si svolgerà proprio a Valenza, comincerà il 27 giugno e avrà una durata di 1000 ore (400 di queste relative all’attività di tirocinio). Verrà rilasciato l’attestato di qualifica professionale.

Tutte le info le trovate sulla pagina di reclutamento Bulgari, lanciando la ricerca su “Italy” da questo link:
https://careers.bulgari.com/en/job_opportunities.htm

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Entrò in classe armato, bocciato sedicenne

Next Article

Carrozza, arrivano i primi tagli

Related Posts
Leggi di più

Facebook, in Europa 10mila posti lavoro in 5 anni

. "La regione sarà messa al centro dei nostri piani per aiutare a costruire il metaverso che ha il potenziale di aiutare a sbloccare l'accesso a nuove opportunità creative, sociali ed economiche", spiegano Nick Clegg, Vice Presidente Global Affairs del colosso di Menlo Park
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.