Opportunità di lavoro in Inghilterra per 30 infermieri

Opportunità di lavoro in Inghilterra per 30 infermieri italiani. La Divisione Sanità di Orienta Spa di Firenze ha aperto una ricerca per 30 infermieri. La struttura ospitante si trova in una zona costiera nel Sud Ovest dell’Inghilterra, presso una località costiera.
Diverse le posizioni disponibili, in particolare sono ricercati candidati per la copertura di posti in sala operatoria, area critica, pneumologia, medicina e chirurgia.
Requisiti indispensabili per partecipare alle selezioni sono l’aver conseguito la Laurea in Infermieristica, conseguita in Italia o in altro paese dell’Unione Europea; essere regolarmente iscritti all’Ipasvi; possedere esperienza anche di breve durata nelle aree di Medicina, Geriatria, Sala Operatoria, o Chirurgia e l’ottima conoscenza della lingua inglese.
Ai selezionati verrà proposto un contratto di lavoro a tempo indeterminato con retribuzione da CCNL inglese e la possibilità di usufruire di un alloggio gratuito nei pressi della struttura ospedaliera.
Per avere maggiori informazioni e candidarvi all’opportunità consultate il sito Orienta.it. I colloqui si terranno in Italia a partire da metà maggio.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

"Siamo disperati: nostro figlio laureato in Giurisprudenza vuole fare lo Chef"

Next Article

Andare in Erasmus è un'avventura bellissima

Related Posts
Leggi di più

Facebook, in Europa 10mila posti lavoro in 5 anni

. "La regione sarà messa al centro dei nostri piani per aiutare a costruire il metaverso che ha il potenziale di aiutare a sbloccare l'accesso a nuove opportunità creative, sociali ed economiche", spiegano Nick Clegg, Vice Presidente Global Affairs del colosso di Menlo Park
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.