Open data, la città di Milano in un click

Dati sui trasporti, sull’ambiente, sulla raccolta dei rifiuti fino agli orari dei negozi, accessibili liberamente dalla rete e senza costi per tutti i cittadini. Open data è il progetto presentato dall’Università Bicocca, in collaborazione con il comune di Milano, Nexa Center del Politecnico di Torino, Consorzio TopIX, CSI Piemonte e l’associazione Tech and Law Center.

Dati sui trasporti, sull’ambiente, sulla raccolta dei rifiuti fino agli orari dei negozi, accessibili liberamente dalla rete e senza costi per tutti i cittadini. Open data è il progetto presentato dall’Università Bicocca, in collaborazione con il comune di Milano, Nexa Center del Politecnico di Torino, Consorzio TopIX, CSI Piemonte e l’associazione Tech and Law Center.

Lo scopo dello studio è quello di rendere accessibili tutti i dati della città, dagli orari dei negozi alle informazioni sul singolo quartiere. Tutto in un click. Un modo insomma per rivoluzionare il modo di informare i cittadini, grazie a una serie di dati disponibili su una piattaforma accessibile da pc, smartphone e Iphone.

«È importante implementare la diffusione di internet – ha detto il sindaco Giuliano Pisapia -, la conoscenza dell’agenda digitale, degli open data, perché certamente l’innovazione può essere uno strumento importante per superare la crisi economica.  Milano sarà quindi punto di riferimento internazionale, un luogo dove creare sviluppo sociale, culturale e soprattutto economico. Il Comune di Milano è già impegnato in questo senso. Anche in vista di Expo Milano 2015».

 «Crediamo molto in questa iniziativa che permette di rendere ancora più accessibili i dati sui servizi pubblici», ha affermato il rettore Marcello Fontanesi. Come Università siamo molto interessati a mettere a disposizione le nostre competenze per progetti come quello sugli Open Data. Il nostro è l’impegno di un Ateneo aperto e disponibile alla collaborazione con il territorio e questo progetto è un esempio di interazione di discipline e competenze diverse».

L’Università di Milano-Bicocca, contribuisce al progetto Open Data mettendo in campo  specifiche competenze sugli aspetti legali e sugli aspetti tecnologici. In particolare, il Dipartimento dei Sistemi Giuridici ed Economici si occuperà di collocare il progetto Open Data all’interno dei contesti normativi delle Pubbliche amministrazioni e di analizzare i risvolti legali delle licenze con le quali andranno concessi i dati.

Il Dipartimento di Informatica, Sistemistica e Comunicazione darà il proprio contributo sugli aspetti più tecnici del progetto (tecnologie semantiche, linked open data, qualità dei dati e delle informazioni) e proporrà il formato con cui pubblicare i dati e le modalità di aggiornamento delle informazioni messe online.

Il Nexa Center del Politecnico di Torino si occuperà di trasferire le proprie competenze in ambito di Open Data con particolare riferimento al progetto www.evpsi.org, il Consorzio TopIX sarà affidato il supporto strategico nell’implementazione del modello Open Data e, in generale, nello sviluppo di processi innovativi di gestione dei dati pubblici, il CSI Piemonte gestirà l’introduzione degli open data all’interno di contesti pubblici e l’associazione Tech and Law Center metterà a disposizione le proprie competenze in materia di protezione dei dati e sicurezza informatica.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Lavoro, una riforma ci aiuterà?

Next Article

Le risorse della biblioteca, corso a Salerno

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.