‘On the Move’ in Naples

Ha fatto tappa anche a Napoli presso la Facoltà di Sociologia della Federico II “On the Move – giovani per un futuro di valore”

Ha fatto tappa anche a NapoliOn the Move – giovani per un futuro di valore”, l’evento itinerante lungo il territorio nazionale organizzato dalla Fondazione Pubblicità Progresso che si concluderà a novembre all’interno della Sesta Conferenza Internazionale della Comunicazione Sociale.
Presso la Facoltà di Sociologia dell’Università degli Studi di Napoli Federico II si è tenuto, infatti, il convegno dal titolo “Giovani, Futuro, Cambiamento: incontri per preparare il domani” il cui obiettivo principale è stato mettere a confronto ciò che pensano gli esperti con le esperienze concrete dei giovani. L’incontro è stato aperto con i saluti del preside della Facoltà Gianfranco Pecchinenda: “Sono molto onorato d’aver ospitato quest’evento nella nostra facoltà, credo sia un’iniziativa stimolante per i giovani”.
“Siamo contenti di terminare qui il nostro viaggio, tra voi giovani campani. È una tappa importante del percorso fatto ed è un’occasione per condividere con voi spunti di riflessioni e idee sul vostro futuro e quello della società in cui viviamo” ha esordito Rossella Sobrero, consigliere della Fondazione Pubblicità Progresso. Ha poi continuato: “Il nostro obiettivo principale è capire come state vivendo gli attuali cambiamenti. Il Futuro non è più quello di una volta, prima lo si pensava come una logica prosecuzione del presente, oggi non è così!”. L’incontro è stato anche l’occasione per promuovere “On the Move: il volto nuovo della comunicazione sociale”, concorso rivolto agli studenti universitari il cui scopo è di vederli come soggetti attivi nella creazione d’idee di comunicazione.
“Ai ragazzi vengono idee forti e innovative. Hanno, inoltre, grandi capacità di trasmettere messaggi in particolare verso i propri coetanei, condividendone il linguaggio” ha proseguito la Sobrero. Erano presenti anche il sociologo Adolfo Fattori, il project manager della società Koinètica Marcella Semenza e Dario De Notaris dell’Osservatorio Giovani dell’Università Federico II che ha spiegato: “È importante coinvolgere i giovani. Oggi uno dei principali problemi riscontrati negli studi sulle nuove generazioni è che vengono effettuati da persone che non sono più tali! Si utilizzano schemi e categorie degli adulti che mal si conciliano con la realtà giovanile!”
Giovani capaci di convincere altri giovani, giovani che parlino ad altri giovani e che soprattutto si coinvolgano, questi gli scopi principali che si propone la Fondazione Pubblicità Progresso. All’interno dell’incontro, infatti, i ragazzi sono stati invitati a partecipare attivamente condividendo le loro idee “postandole” su dei cartelloni dai titoli: ‘le cose che contano’, ‘le preoccupazioni e le sfide’ e ‘le speranze e i desideri’. Pensieri, riflessioni, suggerimenti, ma anche provocazioni e questa volta in modalità off-line: attraverso spazi non più usuali come forum, chat e bacheche virtuali.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La scienza a Napoli

Next Article

2+1: i candidati sono tre

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, parte la caccia al fondo da 1,3 miliardi di euro per 180 dipartimenti d’eccellenza

Il Ministero dell'Università pronto all'assegnazione dei fondi per le strutture che si distinguono per una ricerca di qualità. Per il quinquennio 2023-2027 sono 350 le strutture che verranno selezionate ma solo 180 riceveranno i fondi dopo la valutazione da parte dell'Anvur. Padova, Statale Milano e Sapienza le università con più dipartimenti candidati.
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".