La scienza a Napoli

L’Hotel Ambassador ospita la tre giorni “L’Arte di comunicare l’Arte” nell’ambito dell’VIII Congresso Nazionale della SICU

L’Arte di comunicare l’Arte” è il titolo della tre giorni iniziata ieri pomeriggio presso il Centro Congressi dell’Hotel Ambassador di Napoli e che ospita l’VIII Congresso Nazionale de La Società Italiana dei Chirurghi Universitari.
Presidente del Congresso è il prof. Ludovico Docimo che, come si legge nella lettera di invito, crede che la SICU sia ormai un’entità ben consolidata con sempre maggiori scopi: “Il Congresso 2010, grazie anche al contributo di illustri relatori, seppure in una difficile contingenza storica, economica e culturale, continua secondo tradizione a mostrare alla società civile e alla comunità scientifica il proprio ruolo e la propria dimensione”. Le giornate di studio, organizzate dalla Seconda Università di Napoli e in particolar modo dalla Facoltà di Medicina e Chirurgia, ospiteranno molte tra le maggiori figure del panorama accademico: i Rettori dei sette atenei campani, infatti, andranno a comporre il Comitato Onorario e saranno i relatori del tavolo “La riforma universitaria tra passato e futuro” prevista per oggi alle ore 15.30.
Filippo Bencardino, Francesco De Sanctis, Gennaro Ferrara, Raimondo Pasquino, Francesco Rossi, Lida Viganoni e l’ex-rettore Guido Trombetti, insieme per discutere un tema scottante che, specialmente negli ultimi mesi, sta scatenando agitazioni in tutta la penisola. Saranno infatti presenti, tra gli altri, l’ex Ministro all’Università Ortensio Zecchino ed il responsabile per scuola e università di Alleanza Nazionale Giuseppe Valditara.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

A lezione con Schifani

Next Article

‘On the Move’ in Naples

Related Posts
Leggi di più

Regalo di Natale al ministro Valditara: 500mila euro in più per il suo staff grazie ai tagli alla didattica

Un emendamento presentato dall'ex sottosegretario Rossano Sasso stanzia ulteriori 480mila euro per consulenti e collaboratori del Ministero dell'Istruzione. Soldi che verranno prelevati dal fondo per la didattica previsto dalla legge sulla Buona Scuola del 2015. Le opposizioni gridano allo scandalo ma da Viale Trastevere provano a gettare acqua sul fuoco: "Spese in linea con gli anni precedenti".