Occupy Pantheon contro la crisi

A dieci giorni dall’approvazione al Senato del testo di riforma del lavoro, targato Fornero, all’incirca 250 manifestanti si sono riuniti a piazza Montecitorio, a Roma, davanti alla Camera dei Deputati, per protestare contro la riforma. I manifestanti appartengono all’estemporaneo Occupy Pantheon, studenti e lavoratori precari che hanno montato le tende davanti al mausoleo romano, per protestare contro la crisi e la riforma del lavoro.

Davanti a Montecitorio hanno lanciato alcuni palloni da calcio con scritto “No al rigore” ma anche qualche sampietrino, bottiglie e bombe carta. Tra gli striscioni esposti ‘Eurozona: la Grecia non si elimina’, ‘No Bce, no austerità, occupiamo tutta la città“

Una volta arrivati davanti al portone della Camera i manifestanti sono stati allontanati dalla polizia in assetto anti sommossa, che li ha caricati.

I giovani chiedono la conservazione di un’istruzione pubblica che garantisca un sano accesso al mondo del lavoro e della ricerca. Molti i laureandi che sentono come unica possibilità di proseguire la via della ricerca universitaria, la “fuga” all’estero.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Maturità: su corriereuniv.it un'idea al giorno per il tuo esame orale

Next Article

Il Miur proroga i rettori e nasce il movimento contro l’attaccamento alla poltrona

Related Posts
Leggi di più

“Il prossimo ministro dell’Istruzione? Dovrà eliminare le teorie gender dalla scuola”

La vittoria di Fratelli d'Italia e Giorgia Meloni alle elezioni di domenica scorsa spinge le forze conservatrici a chiedere un'inversione di rotta sul tema dei diritti e dell'uguaglianza sessuale a scuola. L'associazione Pro Vita chiede che il nuovo inquilino di Viale Trastevere sia contrario "a qualsiasi colonizzazione ideologica gender e Lgbtqia+".