Test d'ingresso: le date

Il Miur ha pubblicato le date dei test d’ingresso per le facoltà a numero chiuso

Sono quasi giunti al termine gli esami di maturità. Chi ha intenzione di accedere ad una facoltà a numero programmato ha appena il tempo di tirar fiato perchè è possibile sostenere il test solo tramite iscrizione più contributo entro termini prestabiliti (consultabili sui siti di facoltà) ma soprattutto c’è tanto da studiare! Ricordiamo che da qualche anno, le università offrono corsi ad hoc per la preparazione della prova attraverso lavoro individuale e di gruppo con simulazioni d’esame.
Il Miur ha reso note le date dei fatidici “test d’ingresso” che richiedono, oltre ad una buona competenza generale, almeno una minima conoscenza delle materie d’indirizzo della facoltà scelta. In tutta Italia il numero chiuso è previsto per le sole facoltà di Architettura, Economia, Ingegneria, Medicina e Chirurgia, Odontoiatria, Professioni sanitarie e Scienze della Formazione. Le date sono comuni a tutti gli atenei e si svolgono alla stessa ora e nella stessa modalità:
Architettura, il test è fissato per il 7 settembre alle ore 11.00;
Economia, il test è fissato per il 13 settembre alle ore 15.30;
Ingegneria, il test è fissato per l’1 settembre alle ore 11.00;
Medicina e Chirurgia, il test è fissato per il 2 settembre alle ore 11.00;
Odontoiatria, il test è fissato per il 3 settembre alle ore 11.00;
Professioni Sanitarie, il test è fissato per l’8 settembre alle ore 11.00;
Scienze della Formazione, il test è fissato per il 20 settembre alle ore 11.00
Per avere informazioni dettagliate sui test visitare la sezione Atti ministeriali del Miur.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Congratulazioni Mariateresa !

Next Article

Per un'università responsabile

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".