NTT DATA cerca 300 Innovatori e appassionati di tecnologia

NTT DATA Global IT Innovator cerca 300 Innovatori, appassionati delle ultime tecnologie, e che diano il meglio lavorando in squadra.
NTT DATA Italia fa parte del Gruppo giapponese NTT DATA, uno dei principali player a livello mondiale nell’ambito della Consulenza e dei Servizi IT. Opera in oltre 40 paesi con 75.000 dipendenti, fornisce servizi professionali di valore, dalla consulenza allo sviluppo dei sistemi fino all’outsourcing, condividendo con i propri clienti un impegno di lungo periodo e una forte spinta all’innovazione. In Italia con 2500 professionisti è presente a Milano, Roma, Cosenza, Torino, Pisa, Treviso, Genova e Napoli e supporta le aziende dei principali settori di mercato, quali Assicurazioni, Difesa, Energy, Istituzioni Finanziarie, Manufacturing, Media, Pubblica Amministrazione, Retail, Telecomunicazioni, Trasporti.
Le opportunità di lavoro in NTT Data a Cosenza e Napoli sono rivolte a figure specializzate in cyber security. I candidati selezionati dovranno essere in grado di sviluppare e implementare soluzioni di nuova generazione per la sicurezza informatica. Queste ultime serviranno, in particolare, a proteggere le aziende dagli attacchi informatici.
Gli interessati possono inviare la propria candidatura spontanea o consultare le posizioni aperte e candidarsi a quella di proprio interesse, visitando la sezione “Lavora con noi” sul portale web del Gruppo.
posizioni aperte

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La rassegna stampa di giovedì 20 ottobre

Next Article

Tesi di laurea sul parco divertimenti? due premi alle migliori

Related Posts
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.