Non vedenti all’università, arrivano le mappe tattili

mappe tattili

Mappe tattili che aiutino i non vedenti a muoversi con facilità all’interno delle università. Tra le prime a rilanciare questa necessaria operazione è l’Università di Pavia, con il progetto “G2: università aperta, accessibile e fruibile senza barriere sensoriali”.

Al progetto hanno collaborato anche il Comune ed è stato finanziato da Anci e dal Ministero della Gioventù Le mappe tattili sono state collocate nei punti più significativi del palazzo centrale, oltre che al piano terra, al primo piano, nelle aule Volta e Scarpa, nel museo di Storia dell’Università, nell’aula Foscolo e nei saloni del Rettorato.

Il progetto è stato seguito da Alessandro Greco, professore del Dipartimento di Ingegneria civile e architettura, dall’ingegnere Matteo Locatelli e da Rodolfo Faldini, assessore alle politiche giovanili del Comune di Pavia.

AZ

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La scuola va in ospedale

Next Article

Jovanotti, dopo Sanremo, boom di follower

Related Posts
Leggi di più

SDA Bocconi tra le prime 7 università al mondo per la formazione dei manager

Pubblicata la Combined Ranking sulla Formazione Manageriale stilata dal Financial Times. L'ateneo milanese si classifica al settimo posto guadagnando per cinque posizioni rispetto alla classifica del 2020. "Premiata la nostra capacità di assicurare il legame e la qualità delle interazioni con le aziende e i partecipanti".