Non è mai troppo tardi: 10 ragazzi tornano in "Classe"

Simone ha abbandonato gli studi a 16 anni, dopo una bocciatura: non aveva più voglia di studiare e si è messo a cercare lavoro. Sara, invece, ha mollato la scuola a 16 anni perché è rimasta incinta. Giacomo ha lasciato al secondo superiore, preferendo la Boxe. Adriana ha deciso, appena compiuto 18 anni, di cercare lavoro per aiutare sua mamma. Le storie di 10 ragazzi si incontrano ne La Classe, il nuovo programma televisivo contro la dispersione scolastica lanciato da Tv2000.
Sei ragazzi e quattro ragazze che, per un motivo o per l’altro, hanno abbandonato la scuola in età adolescenziale, hanno la possibilità di ritornare sui banchi per recuperare il tempo perso. E’ una “classe” speciale, quella condotta da Marco Presta, il cui obiettivo è quello di far tornare il desiderio di stare tra i banchi.
Le lezioni vanno seguite ogni giorno, insieme a laboratori ad hoc che hanno il compito di stimolare il desiderio di imparare. Italiano, matematica, lingue: dietro la cattedra si alternano professori e personaggi del mondo della cultura e dello spettacolo.
Oltre alle lezioni che andranno in onda in day time, il programma prevede sei puntate serali, in cui i ragazzi, accompagnati da amici e parenti, discutono delle loro esperienze tra i banchi di scuola. Dieci storie che meritano un finale diverso: una scommessa, per i ragazzi, tutta da vincere.
Raffaele Nappi

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Istruzione, Giannini riceve ministro portoghese Crato

Next Article

L'ENIGMA CAVALLINI: QUANDO UNA DOMANDA VALE 30 E LODE

Related Posts
Leggi di più

Tamponi a scuola, dal Governo arriveranno 92 milioni di euro ma i presidi attaccano ancora: “Le Asl non sono in grado di tracciare i contagi in classe”

Continua lo scontro tra il Ministero dell'Istruzione e i dirigenti scolastici ormai stremati dall'enorme carico di lavoro dovuto alla gestione dei casi Covid all'interno dei loro istituti. La sottosegretaria Barbara Floridia promette procedure più snelle e nuove risorse per far fronte all'emergenza. Giannelli (Anp): "Presidi ormai allo stremo".