No all’aumento delle tasse universitarie!

Carmine Minicozzi e Luca Pagliuca, i Rappresentanti degli Studenti in Senato Accademico dell’Università del Sannio spiegano perchè dicono di no all’aumento delle tasse universitarie.

Le tasse universitarie non dovrebbero mai aumentare. Partendo da questa premessa vogliamo spiegare la nostra decisione di votare contro l’aumento della contribuzione studentesca deciso dal Senato accademico dell’Università del Sannio. Il nostro dissenso ha tenuto innanzitutto conto delle ragioni degli studenti e delle loro famiglie che ancora una volta si trovano i propri bilanci gravati da ulteriori spese. Per tale ragione abbiamo immediatamente contestato la decisione.
Ma ciò nonostante non possiamo non tener conto del contesto in cui sono maturate queste decisioni e non possiamo non aver chiaro a chi attribuire le reali responsabilità dell’aumento.
La precarietà delle informazioni su cui programmare il bilancio, l’annunciata drastica decurtazione del Fondo di finanziamento ordinario palesano le responsabilità dell’esecutivo nazionale in tal senso.
A questo punto, gli organi amministrativi dell’Ateneo si sono trovati di fronte ad una scelta inevitabile, volta a tutelare la stabilità del bilancio dell’Università di Benevento.
Ciò è comprensibile, ma solo dal punto di vista amministrativo di un piccolo Ateneo che fa della virtuosità di bilancio, a fronte di finanziamenti statali inferiori a quelli delle altre università, uno dei suoi punti di forza. Ed è proprio questa consapevolezza che ci spinge a distinguere le responsabilità, evitando di entrare nel gioco delle strumentalizzazioni e mettendo davanti a tutto la difesa dell’Università come istituzione indispensabile alla costruzione del nostro futuro.Il momento storico è delicato e la nostra deve essere un’azione innanzitutto responsabile.
Per tale ragione stigmatizziamo pubblicamente gli attacchi all’Università che obbediscono a riserve mentali e a logiche interne condizionanti.
Non possiamo dilettarci nell’esercizio della critica spicciola, cercando a tutti i costi qualcosa che non va. Vogliamo, invece, seguire e incoraggiare i cambiamenti, quando questi si dimostrino validi alla chiarezza nel nostro orientamento, come da ultimo, ad esempio, la decisione del cambio di denominazione della Facoltà di Economia in Facoltà di Giurisprudenza, oppure utili alla crescita di Unisannio all’interno di un sistema regionale delle Università campane.
Carmine Minicozzi
Luca Pagliuca

I Rappresentanti degli Studenti in Senato Accademico

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Stop alle modifiche sul diritto allo studio

Next Article

Master in International Tourism and Hospitality Management

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".