Neolaureati in Informatica, Ingegneria, Fisica e matematica

Stiamo ricercando giovani e brillanti neolaureati o laureandi con una reale passione per le nuove tecnologie.
Il giovane neolaureato sarà inserito in uno dei nostri centri di competenza dove potrà valorizzare le proprie conoscenze partecipando a progetti di rilevanza significativa in diversi ambiti della consulenza e servizi IT, all’interno di un contesto tecnologicamente avanzato e stimolante.
Il percorso di formazione dei neolaureati inizia con uno stage retribuito della durata di 6 mesi durante il quale sarà coinvolto nei processi di progettazione e sviluppo del software attraverso l’applicazione di tecniche e procedure Aziendali consolidate.
Requisiti:
– Laurea in ingegneria (informatica, elettronica, telecomunicazioni, gestionale), informatica, matematica, fisica, scienze statistiche, economia.
– Buona conoscenza della lingua inglese e disponibilità a trasferte sul territorio nazionale ed internazionale.
– Conoscenza di alcune delle seguenti tecnologie: Java, J2EE, oracle, sql, C, C++.
– Buon inglese
Completano il profilo buone capacità di analisi e orientamento al risultato, predisposizione al lavoro di gruppo, motivazione e flessibilità.
Sede di lavoro: Milano, Genova, Roma
Per maggiori informazioni, visitare il sito di riferimento.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Servizio civile: learning by doing

Next Article

9 dicembre, "Assedio" al Rettorato

Related Posts
Leggi di più

Facebook, in Europa 10mila posti lavoro in 5 anni

. "La regione sarà messa al centro dei nostri piani per aiutare a costruire il metaverso che ha il potenziale di aiutare a sbloccare l'accesso a nuove opportunità creative, sociali ed economiche", spiegano Nick Clegg, Vice Presidente Global Affairs del colosso di Menlo Park
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.