Neolaureati, assumono i grandi gruppi: Intesa Sanpaolo, Mediolanum, Bosch e Lidl

Benchè secondo l’ultimo report Istat la produzione industriale nel mese di settembre ha segnato un -5,6%, complice la pandemia globale, ci sono settori che assumono e assumeranno nei prossimi mesi: sopratutto terziario e grande distribuzione.

In Lidl ci sono 200 posizioni aperte da inserire nei punti vendita, nei centri logistici, nelle direzioni regionali e nella sede centrale di Arcole(VR). Una ventina i laureati: tra cui junior real estate project manager, business controller, business intelligence specialist, collaboratori organizzazione aziendale area project e process management.Le assunzioni si inseriscono in un più ampio piano di 2mila inserimenti nell’anno fiscale.

Mentre in Intesa San Paolo entro il 2023 saranno effettuate assunzioni a tempo indeterminato nel rapporto di un’assunzione per ogni due uscite volontarie, fino a 2.500 assunzioni (tra cui anche la stabilizzazione dei contratti a tempo determinato), a fronte di almeno 5mila uscite volontarie previste. Sempre in ambito finanziario anche Banca Mediolanum, che prevede un piano di crescita, offrirà diverse opportunità nelle direzioni IT delle varie controllate del gruppo, con particolare focalizzazione nei Big data&analytics e su figure specializzate in tecnologie e infrastrutture Microsoft. (https://mediolanum.csod.com/ats/careersite/search.aspx?site=5&c=mediolanum). Generazione Alleanza è il programma di recruiting di giovani talenti appena lanciato da Alleanza Assicurazioni per reclutare le nuove leve del futuro.

Per ingegneri, architetti, designer sul portale del Politecnico di Milano ci sono al momento oltre 330 chance di impiego e stage(https://www.careerservice.polimi.it/it-IT/). Ingegneri e laureati in economia ricercati anche in Bosch per le posizioni di risk management support, junior product manager, junior controller, brand management, project management, logistic, automotive(https://careers.smartrecruiters.com/BoschGroup/italy)

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

“Mio figlio non mette la mascherina in classe”. Papà rifiuta l'obbligo, preside chiama la polizia

Next Article

Il virologo Crisanti boccia Luzia Azzolina: "Dalla secondaria non si doveva riaprire a queste condizioni"

Related Posts
Leggi di più

Il mondo della comunicazione è sempre più giovane: il 53% degli occupati è under 35

Un dipendente su due che lavora nel mondo della comunicazione ha meno di 35 anni. E' quanto emerge da un'indagine condotta su un campione di 172 aziende e condotta da Una, Aziende della comunicazione unite, e Almed, Alta Scuola in Comunicazione, Media e Spettacolo, dell'Università Cattolica del Sacro Cuore. Negli ultimi anni c'è stato un calo dell'occupazione femminile.