Neolaureati a “bassa tensione”

Schermata 2013-03-15 a 10.00.02

Stage e contratto a tempo indeterminato per entrare a far parte della squadra BTicino

“Se c’è qualcosa di nuovo da studiare nel settore del materiale elettrico da installazione, dobbiamo farlo per primi noi”. È lo slogan del gruppo BTicino, attivo nel settore degli impianti elettrici ad uso civile, industriale, terziario.

L’azienda strizza gli occhi ai giovani, al momento sono due le opportunità d’impiego rivolte ai neolaureati.

Lo stage Supporto alle attività di industrializzazione di nuovi prodotti di Protezione Potenza punta su neolaureati in ingegneria meccanica che partecipino in affiancamento agli esperti, alle verifiche tecniche ed economiche, alla definizione degli investimenti e degli obiettivi di costo, alle varie attività per l’industrializzazione dei nuovi prodotti fino all’avvio della produzione. Svolgimento ad Azzano San Paolo, nel bergamasco.

Contratto a tempo indeterminato in palio, invece per la ricerca da Internal Auditor “Junior” che prevede l’inserimento all’interno della Direzione Amministrazione, Finanza e Controllo. Si cerca comunque un neolaureato che abbia formazione o consocenze nell’ambito contabilità/finanza e massimo due anni di esperienza nel ruolo. La sede di lavoro, in questo caso, è a Varese.

Le candidature passano dal sito www.bticino.it dalla voce “Lavora con noi”- “Invia il tuo cv, opportunità di lavoro in BTicino”

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Onorevoli al primo giorno di "scuola", la stampa assedia l'ingresso alla Camera

Next Article

Gli stage che aiutano a trovare lavoro

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.