Negò pasti ai bimbi stranieri, sindaco leghista arrestato per falso

lancini oscar

Oscar Lancini – Lo ricordiamo perché fu il sindaco che negò la mensa ai bambini figli di stranieri e che dunque non potevano permettersi il pasto. Oggi il nome di Oscar Lancini, sindaco di Adro (Brescia), torna alla ribalta. Il sindaco  è stato arrestato dai carabinieri ed è ai domiciliari con l’accusa di “turbata libertà degli incanti e turbata libertà del procedimento di scelta del contraente” e “falso in atto pubblico”. Avrebbe favorito alcune aziende nella gara d’appalto per la realizzazione di alcune opere in paese; in particolare la turbativa d’asta riguarderebbe la realizzazione dell’area feste della cittadina.

Nell’inchiesta risultano indagate altre 25 persone 24 tra amministratori e imprenditori.

Tre anni fa il leghista finì al centro dell’attenzione mediatica per aver tapezzato la scuola del paese do simboli leghisti. Dallo zerbino al cestino portacarte  la scuola materna. Ancora pochi mesi fa ad alcuni ragazzini stranieri erano stati negati i pasti ed era stata la Croce Rossa di Adro a prendersene cura. Dieci insegnanti, tra cui il dirigente scolastico, si erano autotassati per pagare mensa e scuolabus, servizi che il sindaco aveva deciso di non mettere a disposizione dei bambini le cui famiglie non potevano sosten

Per il precedente caso invece, era stato un imprenditore a finanziare il trasporto scolastico e la mensa per i bambini.

Ora si torna a parlare del sindaco arrestato e ora agli arresti domiciliari

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Sommelier della birra, al via un corso all'università di Udine

Next Article

Progetto Comenius, studenti da tutta Europa arrivano a Napoli

Related Posts
Leggi di più

Scuole occupate, nessuna retromarcia sulle sanzioni agli studenti: “Ci sono 500mila euro di danni. Qualcuno deve pagarli”

Il direttore generale dell'Ufficio scolastico regionale del Lazio, Rocco Pinneri, conferma la linea dura sulle denunce (e richiesta di risarcimento dei danni) nei confronti degli studenti che prima di Natale avevano occupato diversi istituti. "Una cosa è manifestare democraticamente, un'altra violare il diritto all'istruzione" ha detto. Oggi nuovo incontro con il movimento de "La Lupa".
Leggi di più

Covid, in arrivo nuove regole a scuola: Ffp2 gratis per gli studenti in autosorveglianza e stop ai certificati medici per tornare in classe

In arrivo un nuovo decreto per cercare di semplificare e uniformare le regole sui contagi a scuola. Si cercherà di alleggerire il carico dei tamponi sia alle famiglie che alle Asl abolendo l'obbligo, oggi in vigore per le scuole primarie, quando c'è soltanto un caso positivo nel gruppo classe. E alle superiori per tornare in classe non servirà più il certificato medico ma solo un tampone rapido.