Nasce work in progress

Da un’idea dell’avvocato milanese Tommaso Dilonardo, sta nascendo Work in Progress – Centro di ricerche sociali sul lavoro e le nuove forme di occupazione.

Da un’idea dell’avvocato milanese Tommaso Dilonardo, sta nascendo Work in Progress – Centro di ricerche sociali sul lavoro e le nuove forme di occupazione.

Il centro che collaborerà con università ed esperti del settore, nasce con l’intento di andare oltre e di rappresentare un punto di riferimento saldo per media ed istituzioni su un tema fondamentale come il lavoro.

<<Mai come in questi anni il lavoro si è trasformato velocemente, molto più velocemente delle ricerche sociologiche e soprattutto della legislazione – ha dichiarato l’avvocato – e se questo è vero a livello mondiale ed europeo, è ancora più vero in Italia, dove i tempi di decisione finiscono per essere enormemente più lenti della realtà sulla quale vorrebbero incidere. E’ in questo gap tra realtà economica ed occupazionale e lentezza delle decisioni del legislatore, tra globalizzazione e forme tradizionali di tutela e regolamentazione che stanno molte delle difficoltà, degli abusi, dei ritardi del mondo del lavoro>>.

Work In Progress sta inoltre promuovendo un’indagine online sull’articolo 18. L’indagine avrà come obiettivo principale la valutazione della gestione del lavoro dipendente da parte delle aziende italiane, prendendo in considerazione precarietà, difficoltà legate al periodo storico e iniziative che ci si auspica le istituzioni mettano in atto. I risultati della ricerca verranno presentati in un evento gratuito che parlerà dell’articolo 18, della riforma del mercato del lavoro che si sta discutendo in questi giorni e di lavori e lavoratori atipici. Il questionario, compilabile online all’indirizzo https://www.surveymonkey.com/s/workinprogress.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Giuri Sapienza: il Preside si dimette

Next Article

Vip vittime dell'università fantasma

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.