Napolitano, presente duro per l’Italia del lavoro

E’ un presente duro quello che l’Italia del lavoro sta vivendo“, ha esordito Napolitano nella giornata del 1° maggio dopo aver ascoltato i dati Istat citati dal ministro Fornero.

Si fanno severi i toni del Presidente, parla di responsabilità dei partiti: “La crisi è troppo grave per perdersi nel dedalo si interessi particolari” ha continuato il Presidente.

In un momento così delicato il Presidente rivolge uno sguardo anche ai giovani: “La flessibilità oggi è un valore, ma senza creare la precarietà, che viene sperimentata soprattutto dai giovani e dalle donne, che è un disvalore. E anche un costo, soprattutto se a viverla sono i giovani a cui viene negata una prospettiva futura“.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La Festa del Lavoro con concerto

Next Article

Talk Music, parola d'ordine partecipazione

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Maturità senza mascherine? Si apre uno spiraglio: “Con pochi contagi a giugno si possono eliminare”

Continua il dibattito sull'eliminazione delle mascherine a scuola. L'Italia è l'unico Paese in Europa che ha mantenuto l'obbligo di indossarle in classe per gli studenti ma cresce il pressing per eliminarle almeno durante gli esami di maturità e quelli della scuola media. Gli esperti: "Se il tasso di positività si abbasserà dall'attuale 13% al 10% ai primi di giugno allora potremo ragionare sull'eliminazione"