La Festa del Lavoro con concerto

Si è conclusa la Festa dei Lavoratori, la ricorrenza festeggiata a livello mondiale per ricordare l’impegno dei movimenti sindacali in temi di diritti del lavoratore.

La festa ricorda in modo particolare le battaglie per orari di lavoro più idonei (8 ore in Italia). Si presuppone che la nascita della festività risalga al 5 settembre 1882 quando i Cavalieri del Lavoro organizzarono una manifestazione su questi temi a New York.

Il 1° maggio è anche la data del mega concerto organizzato a Roma e promosso da CGIL, CISL e UIL, in Piazza San Giovanni dove migliaia di giovani accorrono per ascoltare i loro idoli e per passare insieme una giornata divertente ma impegnata.

Quest’anno sul palco si sono esibiti grandi nomi della musica: Afterhours, Almamegretta, A67, A Toys Orchestra, Caparezza, Vittorio Cosma, Dente, Elisa, Stefano Di Battista, Eugenio Finardi, Gnu Quartet, Gabriele Lopez, Alessandro Mannarino, ‘Nduccio, Nobraino, Noemi, P-Funking Band, Raiz, Marina Rei, Subsonica, Sud Sound System, Tarant Project, Teatro degli Orrori, Young The Giant, Nina Zilli, il Maestro Mauro Pagani, sul palco nel triplice ruolo di arrangiatore, musicista e direttore d’orchestra. Condurrà il doppiatore e attore italiano Francesco Pannofino.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

FRU 12, il festival delle radio d'ateneo

Next Article

Napolitano, presente duro per l'Italia del lavoro

Related Posts
Leggi di più

Maturità senza mascherine? Si apre uno spiraglio: “Con pochi contagi a giugno si possono eliminare”

Continua il dibattito sull'eliminazione delle mascherine a scuola. L'Italia è l'unico Paese in Europa che ha mantenuto l'obbligo di indossarle in classe per gli studenti ma cresce il pressing per eliminarle almeno durante gli esami di maturità e quelli della scuola media. Gli esperti: "Se il tasso di positività si abbasserà dall'attuale 13% al 10% ai primi di giugno allora potremo ragionare sull'eliminazione"