Napoli, studentessa violentata da un bidello durante le lezioni

Avrebbe violentato una studentessa mentre era a scuola. Per questo motivo un bidello di 55 anni, A. L., è stato arrestato dalla polizia di Castellammare di Stabia con l’accusa di stupro aggravato ai danni di una minorenne. I fatti si sarebbero consumati nel mese di dicembre 2018 in un istituto alberghiero di Castellammare di Stabia, all’interno di un ripostiglio appartato. La ragazzina che sarebbe stata violentata, 15 anni, rientrò in classe in lacrime e scattò la denuncia per il bidello in seguito alla quale furono sequestrati gli abiti che i due indossavano in quella circostanza.
Il gip ha ritenuto che le dichiarazioni della vittima trovassero “puntuale e granitico riscontro nella comparazione dei referti biologici” effettuati dalla Polizia scientifica e ha disposto gli arresti domiciliari per A. L.. che ha negato il fatto ma sarebbe stato incastrato dalle tracce biologiche trovate sui vestiti, in particolare sui pantaloni della ragazzina.
Già negli anni scorsi lo stesso bidello era stato sorpreso, quando lavorava in un altro istituto in penisola sorrentina, mentre spiava studentesse in bagno. All’epoca dei fatti il bidello non fu sospeso dal lavoro ma fu spostato in altro istituto e sottoposto ad un richiamo verbale. Anche una seconda minorenne avrebbe dichiarato di essere stata vittima delle sue “attenzioni”. L’uomo è ora agli arresti domiciliari.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Maturità 2019, ecco come calcolare il voto e la lode

Next Article

Possedere un cane è questione di Dna, lo dice la scienza

Related Posts
Leggi di più

Seggi elettorali, Cittadinanzattiva: “L’88% ancora nelle aule. E la maggior parte dei comuni non vuole spostarli”. L’appello

Le amministrazioni che hanno deciso di continuare a votare nelle scuole lo fanno per diversi motivi. In primis, la mancanza di luoghi pubblici o privati aventi le caratteristiche richieste. Cioè: senza barriere architettoniche, con servizi igienici e spazi per alloggiare le forze dell'ordine e in prossimità dell’elettorato resident