Sexy censura per il Calendario delle Studentesse

Il Calendario delle Studentesse anche quest’anno ha guadagnato il finanziamento per la realizzazione dei dodici scatti più istruiti d’Italia.

Il Calendario delle Studentesse anche quest’anno ha guadagnato il finanziamento per la realizzazione dei dodici scatti più istruiti d’Italia. Ideato quindici anni fa da Francesco Emilio Borrelli tutt’oggi e sempre in prima linea per la promozione del progetto, ha varcato i confini regionali attraverso gli scatti realizzati anche a Piazza di Spagna e alla Fontana di Trevi e per questa edizione è stato scelto il tema del made in Italy.

Purtroppo, però, le sedici belle sono state censurate poiché è stato fatto divieto di rilasciare interviste e raccontare quest’esperienza, quantomeno a noi del Corriere dell’Università. Fabrizio Cappella, responsabile del progetto insieme al Vicepresidente dell’Adisu del Suor Orsola Paolo Castaldo, ci ha detto: “Non vi siete comportati bene con noi e quindi non abbiamo nulla da dirvi”. In effetti è vero, siamo stati cattivi perché abbiamo dato agli studenti la possibilità di esprimere la loro opinione sui finanziamenti della Federico II destinati a queste attività (calendario, reginetta…) che, ricordiamo, rientrano nei progetti culturali dell’ateneo.

In un momento così delicato per l’Università italiana in cui i tagli e la mancanza di risorse sono all’ordine del giorno, gli studenti parlano di clientelismo, ingiustizie o comunque fanno notare che ci sono esigenze molto più forti di un calendario o di una regina dell’università. “Con questi soldi potevano comprare qualche nuova attrezzatura per i laboratori, invece siamo costretti a spostarci autonomamente per approfondire le nostre ricerche” ci dice Antonio Alfante, studente di vulcanologia.

Ma se Antonio lamentava la mancanza di strumentazioni, Federica Marotta chiedeva che almeno venissero acquistati dei gessetti invece di pensare a fare le sfilate. Gli studenti possono anche essere in disaccordo, ci pensa comunque il Cda d’ateneo ad approvare tali finanziamenti ed infatti il calendario vola alto grazie alla prossima promozione in tutta Italia, alle ospitate in radio e attraverso la realizzazione di tre spot e il “Calendario delle Studentesse soundtrack” prodotto da Creator of Dreams, media partner del Suor Orsola Benincasa.

E intanto, tra polemiche e apprezzamenti, sul sito web del calendario sono già aperti i casting 2012… il Cda è avvisato!

Martina Gaudino

Total
0
Shares
1 comment
  1. Dai tempi in cui con Politologi e con il vostro giornale denunciammo lo schifo dei finanziamenti, non è cambiato molto. Anzi, con il passare del tempo e indagando bene, il marcio è anche peggiore di quel che abbiamo tentato di raccontare. Poi arrivano le querele, le minacce, le intimidazioni, si resta soli e ci rassegna pensando solamente ad ultimare gli esami della magistrale per poi andar via dell’Italia.

Lascia un commento
Previous Article

L'Ue rincorre l’innovazione

Next Article

Farnesina e Uni-Italia: atenei verso l’internazionalizzazione

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".