Napoli città di pace, premiazione al Suor Orsola

Questa mattina alla ore 11 presso l’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli si terrà la premiazione della quinta edizione del premio Napoli Città di Pace. Il premio, nato nel 2007 con l’obiettivo di radicare nel territorio un riconoscimento non soltanto giornalistico ma anche etico, sarà assegnato quest’anno alla vaticanista Angela Ambrogetti, direttore di Korazym.org, e la giornalista e scrittrice Miela Fagiolo d’Attilia.

erri-de-luca[1]

Questa mattina alla ore 11 presso l’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli si terrà la premiazione della quinta edizione del premio Napoli Città di Pace. Il premio, nato nel 2007 con l’obiettivo di radicare nel territorio un riconoscimento non soltanto giornalistico ma anche etico, sarà assegnato quest’anno alla vaticanista Angela Ambrogetti, direttore di Korazym.org, e la giornalista e scrittrice Miela Fagiolo d’Attilia.

Il premio è promosso, d’intesa con l’Arcivescovo di Napoli Crescenzio Sepe, da una sinergia tra l’UCSI (Unione cattolica della stampa italiana) della Campania, l’Ordine dei giornalisti della Campania e l’Università degli Studi Suor Orsola Benincasa di Napoli, che con la sua Scuola di Giornalismo ha sempre coinvolto attivamente i giovani studenti, ospitando nella sede dell’ateneo le varie edizioni del riconoscimento.

Alla giornata, introdotta dal rettore Lucio d’Alessandro, prenderanno parte oltre alle due vincitrici: Giuseppe Blasi Presidente UCSI Campania, Ottavio Lucarelli Presidente dell’Ordine dei Giornalisti della Campania, Don Tonino Palmese Vicario Episcopale per la Giustizia, la Pace e la Salvaguardia del Creato, Donatella Trotta Componente del Consiglio nazionale e della Giunta esecutiva dell’UCSI. Concluderà la giornata lo scrittore, poeta, drammaturgo e traduttore Erri De Luca.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Il Cnr cerca un chimico con esperienza

Next Article

Sciopero dei trasporti, domani stop a autobus e metro

Related Posts
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".