Napoli, allarme gratta e vinci

Napoli. Ogni mattina nei tabaccai del centro è un via vai di gente intenta a comprare gratta e vinci nella speranza della vincita miracolosa. C’è chi spende anche 50 al giorno. Tra le vittime anche ragazzini delle scuole superiori che, ricordiamo, essendo minorenni non potrebbero nemmeno acquistare i biglietti.

Signora quanto ha speso in gratta e vinci stamattina?“. “Circa 20 euro” risponde una donna sulla settantina in uno dei tanti tabaccai del centro. Siamo a Napoli e come ogni mattina prima di riuscire a comprare un pacchetto di sigarette o di gomme c’è da aspettare la lunga fila di donne e uomini di ogni età che tentano la fortuna.

Un giro d’affari con cifre da capogiro quello che ruota attorno alla mania del grattino. Miliardario, Oroscopo, Regali di Natale, Diamante e altri nomi attraenti che tirano della rete del gioco anche i più giovani.

Questa mattina nei tabaccai storici di via Pignasecca è il solito via vai di gente indaffarata, è impossibile non restare colpiti dai commenti durante la fila. Non si arriva a fine mese, si cerca la verdura che costa meno ma i 5 e 10 euro per sfidare la sorte non mancano mai.

Ci incuriosisce una signora in particolare che, anche piuttosto fortunata, invece di riscuotere le vincite, “investe” il denaro in altri biglietti magici sperando di vincere sempre più, finchè non si trova a bocca asciutta, con quasi 50 euro in meno in tasca.

Anche i ragazzi più giovani sono vittime del gioco. C’è chi prima di entrare a scuola ogni mattina si reca alla ricevitoria più vicina per provare a vincere.

Gli spot pubblicitari ormai sempre più numerosi in tv e in rete, invitano a “giocare con moderazione” dopo aver illuminato lo spettatore di turno con il sogno della vincita facile. “Siamo noi gli stupidi – ci racconta il signor Carmine, operaio di 53 anni – in televisione ci fanno credere che vincere è una cosa per tutti e noi subito ci crediamo“.

Martina Gaudino

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Quello che i figli non dicono

Next Article

Mobilitazione costruttiva, studenti occupano la scuola e si inventano muratori

Related Posts
Leggi di più

Sesso con uno studente disabile: a processo una professoressa di sostegno

Si tratta di una docente di un istituto superiore in provincia di Firenze. I fatti risalgono al 2019 quando il ragazzo non era ancora maggiorenne. La donna, dopo il rapporto sessuale consumato all'interno dell'istituto scolastico, avrebbe chiesto allo studente di non raccontarlo a nessuno.
Leggi di più

Gli studenti rispondono a Bianchi: “Vergogna, bugiardo”

Non tarda a farsi sentire la reazione degli studenti alle dichiarazioni del Ministro, che ha dichiarato ieri di voler costruire una riforma della scuola in maniera “affettuosa". I sindacati verso lo sciopero del 30 maggio contro il decreto 36
Leggi di più

“Incompetente ed esibizionista”: ecco cosa pensano i giovani della politica italiana

Presentato il decimo rapporto dell'Osservatorio permanente sui giovani della Link Campus University. La ricerca ha interessato 5mila giovani tra i 16 e i 19 anni. La maggior parte di loro sono delusi dal mondo delle istituzioni ma vorrebbero una donna come Presidente della Repubblica. "I fondi del PNRR? Utilizziamoli per riparare ai danni psicologici provocati dalla DaD".