Muore per stress da lavoro a 24anni. In Cina, 600mila casi

muore per stress da lavoro

Li Yuan è morto per stress da lavoro. Trascorreva 13 ore in ufficio e lavorava dalle 11 di mattina fino alla mezzanotte dopo, anche il sabato e la domenica. La storia del pubblicitario cinese che è morto per un arresto cardiaco all’età di 24 anni ha smosso le polemiche nel Paese. L’agenzia pubblicitaria per la quale lavorava, la Ogilvy and Mother di Pechino, ha negato tutto. “Li Yuan non è morto per il super lavoro”, hanno detto i portavoce della multinazionale. Ma la storia del giovane non è la sola.

In Cina, muoiono per stress da lavoro almeno 600 mila persone all’anno. E’ un fenomeno così noto da aver ricevuto un nome ben preciso “gualosi”, nel Paese dei dragoni, “karoshi”, in Giappone. I sintomi associati a queste morti includono insonnia, anoressia e dolori addominali. Domenica prossima Li Yuan avrebbbe compiuto 25 anni.
AZ

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Cannabis: fa dimagrire ma provoca disturbi psichici

Next Article

"Io non ho paura", la manifestazione a Brindisi in ricordo di Melissa

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.