Mtv, "Tocca a noi" entra nel vivo

mtv.jpgIl “popolo” di Mtv, il network musicale più seguito dai giovani, ha depositato ieri in Cassazione, tramite un comitato di rappresentanza, una proposta di legge di iniziativa popolare per una Riforma dell’Università elaborata dopo una campagna promossa dal canale di musica atraverso il web, con la quale ragazzi di tutte le età hanno votato per formulare la proposta e migliorare le condizioni della loro istruzione. Un lungo iter partito mesi fa che ora è entrato nella fase “calda”.
Una campagna “fatta dai giovani per i giovani” dal titolo “Tocca a noi” che ha ricevuto il supporto anche di numerosi artisti. Oltre un milione e mezzo di voti sul sito di Mtv dei ragazzi hanno portato all’elaborazione di una proposta di legge – grazie al supporto ‘tecnico dell’Alma Mater di Bologna – che prevede un miglioramento nella «qualità della vita» dello studente universitario, maggiore supporto alla «mobilità nazionale e internazionale» con agevolazioni anche fiscali per facilitare le scelte dei percorsi universitari dei ragazzi e alla richiesta di maggiori supporti delle nuove tecnologie per lo studio come testi da studiare online.
«A inizio settembre partirà la campagna per la raccolta delle circa 50mila firme che serviranno per supportare la proposta di legge – ha spiegato il presidente di Mtv Italia Antonio Campo Dall’Orto – le firme saranno raccolte durante gli eventi previsti da Mtv sul territorio». A presiedere il comitato, oltre ad alcuni studenti dell’ateneo bolognese, anche artisti come Max Pezzali, i Finley, e Francesco Sarcina delle Vibrazioni.

Manuel Massimo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Perugia, sinergie per la formazione d'impresa

Next Article

Esperti di marketing e appassionati di web

Related Posts
Leggi di più

Studentessa muore a pochi esami dalla laurea: l’università la proclamerà lo stesso “dottoressa”

Irene Montuccoli avrebbe compiuto oggi 22 anni. E' morta nei giorni scorsi in seguito a dei forti mal di testa. Sul suo decesso la Procura di Reggio Emilia ha aperto un fascicolo perché la ragazza, che era andata più volte al Pronto soccorso, era sempre stata dimessa. Irene era appassionata di motori e stava per laurearsi in Ingegneria del veicolo. L'ateneo di Modena e Reggio Emilia ha avviato l'iter per la laurea alla memoria.