Modena e Reggio, dall’Università 50mila euro per le idee dei giovani

Ammonta a 50mila euro la somma che l’Università di Modena e Reggio Emilia ha deciso di mettere a disposizione per il 2013 a favore delle attività culturali e sociali e di quelle promosse dalle organizzazioni studentesche. Le domande per accedere ai finanziamenti vanno presentate entro le 15 del prossimo 13 febbraio. Nello specifico, al bando da 20mila euro per le attività sociali e culturali possono fare domanda le liste studentesche rappresentate negli organi accademici, i gruppi composti da almeno 50 studenti, nonché le associazioni studentesche iscritte all’Albo Unimore, mentre l’accesso al fondo di 30mila per le attività studentesche è limitato esclusivamente alle associazioni iscritte allo specifico Albo.

“Nonostante la forte contrazione di risorse destinate alle università – ha sottolineato il rettore Aldo Tomasi – il nostro Ateneo si è assunto l’impegno di non ritoccare, ma anzi incrementare, con gli esoneri previsti per gli iscritti delle zone terremotate e per i ‘top students’, le risorse destinate agli studenti”.

“Favorire momenti di socializzazione ed aggregazione, come nel caso dei fondi destinati alle associazioni – ha aggiunto – è  indispensabile per sollecitare la partecipazione alla vita universitaria e anche per migliorare la percezione che i nostri iscritti hanno delle città  sedi di studio”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Dal Miur 54 milioni per le scuole in difficoltà

Next Article

Abusi su minori, la conferenza episcopale tedesca interrompe un progetto di ricerca

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.